Antinomy «Origin of all Pains» (2007)

Antinomy «Origin Of All Pains» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1523

 

Band:
Antinomy
[MetalWave] Invia una email a Antinomy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Antinomy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Antinomy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Antinomy

 

Titolo:
Origin of all Pains

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Johana :: Vocals
Eric :: Drums & Percussions
Maurizio :: Guitars
Marco :: Bass & Synth

 

Genere:

 

Durata:
36' 44"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2007

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

In modo del tutto costruttivo darò una mia impressione, purtroppo, negativa di “Origin Of All Pains”. Ho ascoltato attentamente per svariate volte la prima esperienza discografica degli Antinomy, singolare band milanese, ma non ho potuto fare a meno di notare svariate e gravi lacune per ciò che concerne proprio il lato strutturale delle canzoni, alcune delle quali mi hanno terribilmente annoiato e fatto riflettere sui motivi di tale scelta musicale e compositiva delle stesse.

La band, nata del 2005, mi ha lasciato comunque sia una impressione di speranza, per il fatto che è riuscita a fondere diversi aspetti del Metal: abbiamo del Gothic violento, del Thrash, del Nu-Metal (anche se un modo sporadico) ma soprattutto ho notato un fattore estremamente avanguardistico che riguarda la sfera più prettamente Industrial delle varie influenze.
Purtroppo la precisione non è molta per i nostri, così come la qualità sonora e la produzione lasciano abbastanza a desiderare un qualcosa di più.
Le idee ci sono, e sono buone, anzi ottime. L’unico problema, che a quanto pare sembra stato risolto per metà, è la voce della cantante assolutamente fuori dai canoni musicali che intendono esprimere i nostri, così come per la grande sperimentazione che hanno nell’insieme.
Se in qualche punto le canzoni possono risultare interessanti, subito giunge dal nulla una voce completamente fuori tono, con carisma scarno e non adatta alla cosa, a mio avviso.
Dicevo che è un problema risolto a metà in quanto la band sembra aver allontanato la vocalist per motivi personali e attualmente sia alla ricerca di una nuova voce per far riprendere il via al progetto Antinomy.
Sono certo che le cose potranno andare per il meglio in futuro, per il momento posso solo incoraggiare la band, poiché le capacità ci sono e vanno sfruttate al meglio.

Track by Track
  1. Rain Of Howls 50
  2. Searching For a Suicide 55
  3. The Origin Of All Pain 56
  4. Images Of Desperation 55
  5. The Hell Where I Live In 50
  6. Become The Killer 58
  7. Soul Of a Rape 48
  8. Right Of Hatred 60
  9. Death Possession 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 62
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
58

 

Recensione di Carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1523 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports