Dusk of Delusion «Try Your Freedom» (2024)

Dusk Of Delusion «Try Your Freedom» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
16.03.2024

 

Visualizzazioni:
275

 

Band:
Dusk of Delusion
[MetalWave] Invia una email a Dusk of Delusion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dusk of Delusion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dusk of Delusion

 

Titolo:
Try Your Freedom

 

Nazione:
Francia

 

Formazione:
- Bass, Backing Vocals :: Julien Skorka;
- Drum, Percussion :: Natan Gengenbacher;
- Guitar – Claude Colmars
- Lead Guitar, Synth, Keyboards :: Matthieu Morand;
Vocals :: Benoit Guillot;

 

Genere:
Metal

 

Durata:
23' 19"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
10.11.2023

 

Etichetta:
Ænima Recordings
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ænima Recordings

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Aria Promotion
[MetalWave] Invia una email a Aria Promotion

 

Recensione

Dopo il buon “COrollarian RObotic SYStem” i francesi Dusk Of Delusion rilasciano il nuovo Ep “Try Your Freedom” dove sei tracce, di cui effettive risultano cinque tolta l’intro, rappresentano in sostanza il prosieguo dell’ultimo lavoro della band di cui ho avuto modo di occuparmi rilevandola già allora come ottima riuscita. Nel Ep in disamina la band, da sempre affascinata ai contesti futuristici canta di un mondo politicizzato dove c’è un conflitto tra il riconoscimento e la negazione dei diritti; la band delinea un contesto molto incisivo, compatto, dinamico forte di un metal di matrice moderna ma anche accattivante e inevitabilmente melodico. I contenuti richiamano anche lo stile metalcore e thrash, molto caro alla band, ma anche altre inedite derivazioni dal richiamo quasi industrial. “Bone Metal” è una sorta di brano strategico che subito detta le proprie regole di gioco e ci avvolge tra riff e compattezze sonore; contesti di matrice groove si ravvisano in “The Hemicycle” mentre “Bloks”, pare essere molto decadente e assai emotivamente sentita dalla band; malinconica ma non per questo dinamica è poi “Breaking The Wall”; chiude infine “Floating Blossom”, brano quasi isolato e triste. L’Ep conferma nuovamente l’estro e il buon lavoro che questa band porta avanti con incessante costanza ed energia tanto da darci un’altra buona prova della propria originalità.

Track by Track
  1. 04-06-2080 S.V.
  2. Bone Metal 80
  3. The Hemicycle 85
  4. Bloks 80
  5. Breaking The Wall 85
  6. Floating Blossom 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 16.03.2024. Articolo letto 275 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.