Mr.Bison «Echoes From The Universe» (2024)

Mr.bison ĞEchoes From The Universeğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
09.03.2024

 

Visualizzazioni:
241

 

Band:
Mr.Bison
[MetalWave] Invia una email a Mr.Bison [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mr.Bison [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mr.Bison [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Mr.Bison [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Mr.Bison

 

Titolo:
Echoes From The Universe

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Matteo Barsacchi :: Guitar, Bass, Synth;
- Matteo Sciocchetto :: Guitar, Bass, Voice;
- Lorenzo Salvadori :: Drums;
- Davide Salvadori :: Acoustic Guitars, Synth, Hammond, Mellotron, Bass;

 

Genere:
Heavy Psych Prog

 

Durata:
44' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
16.02.2024

 

Etichetta:
Heavy Psych Sounds
[MetalWave] Invia una email a Heavy Psych Sounds [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Heavy Psych Sounds [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Heavy Psych Sounds

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Purple Sage PR
[MetalWave] Invia una email a Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Purple Sage PR
Blotch Promotion Booking Agency
[MetalWave] Invia una email a Blotch Promotion Booking Agency

 

Recensione

Da poco in circolazione c’è anche il nuovo album dell’heavy psych prog dei Mr. Bison con il nuovo “Echoes From The Universe”, sette tracce disposte su andature moderate, melodiche, quasi rilassanti oserei dire in diversi parti dell’ascolto. Alcuni contesti in realtà paiono più incentrati più sullo stoner rock che su altro tenuto conto anche delle particolari sonorità di cui il quartetto si fa protagonista e dell’effetto che ne deriva; a decoro del tutto il buon clean che sembra cullare l’ascoltatore all’interno della propria espressività. Che dire quindi dei riff e del sound in generale che ben riesce soprattutto in alcuni brani come “The promise” ad offrire un effetto eco dinamico e vivace a cui sembra impossibile quasi resistere; gli altri brani tra cui l’opener “The Child Of The Night Sky” si propongono con le loro strutture sempre incentrate su apparati melodici resi su chitarre in assetto refrain o ancora “Dead In The Eye”, una moderata e prolungata andatura disposta sempre con un sound particolare, alieno, spaziale, ricco di infiniti riverberi e pienamente coeso nell’indole immaginaria della band. In sostanza il pregio che questa band ha è quello di riuscire costantemente nel corso dell’ascolto a imprigionare l’ascoltatore in un vortice che, seppur apparentemente similare tra un brano e l’altro, in realtà se ascoltato in maniera approfondita rivela continue e magnetiche differenze da cui è impossibile districarsi. Un disco moderno, innovativo in cui personalità e eleganza trovano il proprio ambiente ideale.

Track by Track
  1. The Child of the Night Sky 75
  2. Collision 80
  3. Dead in the Eye 80
  4. Fragments 80
  5. The Promise 80
  6. The Veil 75
  7. Staring at the Sun 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 09.03.2024. Articolo letto 241 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.