The Modern Age Slavery «1901 | The First Mother» (2023)

The Modern Age Slavery «1901 | The First Mother» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
07.01.2024

 

Visualizzazioni:
328

 

Band:
The Modern Age Slavery
[MetalWave] Invia una email a The Modern Age Slavery [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Modern Age Slavery [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Modern Age Slavery

 

Titolo:
1901 | The First Mother

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Mirco Bennati :: bass
- Ludovico Cioffi :: guitars, orchestrations
- Giovanni Berserk :: vocals
- Federico Leone :: drums
- Luca Cocconi :: guitars

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
41' 9"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.05.2023

 

Etichetta:
Fireflash Records
[MetalWave] Invia una email a Fireflash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Fireflash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fireflash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Fireflash Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Il quinto album dei reggiani The Modern Age Of Slavery, si presenta con 11 tracce ricche di death metal moderno e con l’inserimento di qualche elemento deathcore che, nel linguaggio più moderno, può facilmente essere catalogato come Blackened deathcore. L’effetto, oramai consolidato per questa band, è quello di presentare oggi questo “1901: I The First Mother” come un disco schietto, diretto e assai moderno nei contenuti, tenuto conto sia dell’inserimento di una forse eccessiva dose di elettronica nel complessivo assetto della rifinitura del sound, ma anche di una buona quanto orami consolidata capacità di passare da momenti ritmicamente potenti sino alla distruzione totale. Ottima ed l’indiscussa versatilità del growl è moderna, potente e sempre pronta ad adattarsi a qualunque circostanza, al pari in ogni caso del sound e dei granitici riff che danno tutto il resto. Forse sin troppo accelerata e ai limiti dell’inopportuno è l’opener “Pro Patria Mori”, brano proteso a mettere subito in guardia l’ascoltatore che non si scherza e si mena di brutto alternando ovviamente il tutto a contesti più melodici e solisti; c’è poi il massiccio “Irridiate All The Earth” da ricordare soprattutto per quei richiami probabilmente più industrial e volti alla ricerca di sonorità innovative; buona è invece l’esecuzione e la possenza di “Lilibeth” dove la band si lascia andare verso i territori del nu metal con estrema semplicità, quasi ad anticiparsi la cover dedicata ai Korn in scaletta. Altro brano spaccaossa è “Nytric” caratterizzato da un ottimo riff d’apertura e da annessi, serrati sviluppi tutti da assaporare dall’inizio alla fine; “The Age Of Great Man” è invece un brano di matrice nuovamente più sperimentale, moderato nella struttura ritmica e con particolari, interni sviluppi. Concludendo, possiamo dire che questo disco è al passo con i tempi rispetto alle tante uscite che si concorrono in questo genere, ma il pregio di questa band, differentemente dalle altre, è che il saper suonare e la tecnica, a tutti ben noti, passano in secondo piano ponendo invece come obiettivo principale le proprie idee e il non farsi condizionare da niente e da nessuno.

Track by Track
  1. Pro Patria Mori 65
  2. KLLD 75
  3. Irradiate All The Earth 75
  4. The Hip 70
  5. Lilibeth 80
  6. Overture Of Silence 70
  7. OXYgen 70
  8. Nytric 75
  9. Victoria's Death S.V.
  10. The Age Of Great Man 80
  11. Blind (Korn Cover) S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 07.01.2024. Articolo letto 328 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.