Blues For Neighbors «Funeral Piles And Gallows» (2023)

Blues For Neighbors «Funeral Piles And Gallows» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
26.11.2023

 

Visualizzazioni:
800

 

Band:
Blues For Neighbors
[MetalWave] Invia una email a Blues For Neighbors [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Blues For Neighbors [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Blues For Neighbors

 

Titolo:
Funeral Piles And Gallows

 

Nazione:
Polonia

 

Formazione:
- MG :: voc, resonator guit., mandolin, harmonica, cajon & perc., kbd. & synths;
- PO :: accoustic and electric guit., banjo, voc;

 

Genere:
Blues / Dark Folk / Death Country

 

Durata:
43' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.10.2023

 

Etichetta:
Road Rat Records
[MetalWave] Invia una email a Road Rat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Road Rat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Road Rat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Road Rat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Road Rat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Road Rat Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Heavision
[MetalWave] Invia una email a Heavision [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Heavision [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Heavision

 

Recensione

Ci diverte non poco questo disco del duo polacco dei Blues For Neighborn con il loro terzo disco “Funeral Piles And Gallows” un disco di rock country americano, del genere tipico dei film americani di cowboy di ristoro al tramonto in riva al fiume davanti al falò con chitarra ed armonica. Il sapore che si respira è quindi nel corso dell’ascolto delle dodici tracce è questo, tutto country acustico senza distorti, senza batteria ma con percussioni naturali, slide e un clean caratteristico. Il duo riesce in ogni caso a rendere dinamico il tutto grazie al proprio estro e allo splendido scenario generato che, quasi in maniera surreale, riconduce nella mente dell’ascoltatore uno scenario ormai solo visibile e vivibile nei vecchi film western, a cominciare anche dalla splendida artcover, per opera dell’artista Kamil Lupus Boettcher di matrice moderna ma dall’effetto pienamente collimante. In sostanza sembra di ascoltare in maniera molto più completa una sorta di Zakk Wylde ai tempi di Book Of Shadows con un sound nitido e pulito e totalmente rilassante. Quindi un full di melodie e armonici che sfiora i quarantacinque minuti di ascolto per divertirsi, e se vogliamo, in una serata a tema anche ballare di fronte a questo ottimo album il cui unico obiettivo è quello di ricondurci nel più bel far west mai esistito.

Track by Track
  1. Before The Rooster Crows At Dawn 80
  2. Trackless Wilds 80
  3. He's Real 85
  4. Vestapol Blues 80
  5. Pray To The Sun 85
  6. God's Will 85
  7. Where Chilly Wind Blows 85
  8. Our Lord, Our Savior 80
  9. Tombstone 85
  10. Blackwater Blues 85
  11. Walking To The Graveyard 85
  12. Lonesome Lament 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 26.11.2023. Articolo letto 800 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.