Valerio Bruner «Someday» (2021)

Valerio Bruner «Someday» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
08.05.2022

 

Visualizzazioni:
359

 

Band:
Valerio Bruner
[MetalWave] Invia una email a Valerio Bruner [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Valerio Bruner

 

Titolo:
Someday

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Valerio Bruner :: All instruments

 

Genere:
Rock

 

Durata:
18' 3"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
17.09.2021

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

Ci si stringe un po’ il cuore quando ci tocca recensire dischi solisti e alieni al genere metal, come questo nuovo Ep di Valerio Bruner chiamato “Someday”, perché spesse volte ci tocca recensire un prodotto messo su con tanta devozione al genere, ma anche una qualità che a volte non c’è almeno dal punto di vista della produzione, e che se anche c’è non sappiamo di preciso a chi indirizzare, non essendo un genere affine a quello qui trattato. Non è questo fortunatamente il caso di questo buon EP, che ci propone 5 brani facili facili di rock leggero, anche dal taglio abbastanza pop/rock e radiofonico a volte, ma comunque dal buon tiro compositivo e piacevolmente nostalgico.
È infatti evidente, sin dalla prima “Forget about you”, che lo stile musicali non è metal, semmai un Rock stile Bon Jovi ma alleggerito e comunque con un certo mood americano che permane in tutto l’album, semmai con accenni biker in brani come “Sloppy Sue”, e quando pensi che lo stile sia già delineato musicalmente, ecco che il nostro Valerio Bruner riesce a piazzare una piacevole introspezione acustica all’interno del rock gradevole di “Mercy (of love and the fear)”, influenze Pop/rock/punk in “Someday” e perfino un episodio conclusivo fumoso e senza percussioni, sullo stile di un Kenny Rogers più ombroso o di un King Dude.
In altre parole, “Someday” nonostante le sfavorevoli aspettative mi convince, è il frutto di un musicista che sa come fare i suoi brani e di come renderli cangianti, senza ridurli a un tributo tanto onesto quanto troppo personale della musica che si ama e null’altro. Dategli una chance.

Track by Track
  1. Forget about you 70
  2. Sloppy Sue 70
  3. Mercy (Of love and the fear) 70
  4. Someday (your blue dress) 75
  5. Rain man 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 08.05.2022. Articolo letto 359 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.