Lhasa Society «Obe» (2022)

Lhasa Society «Obe» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
01.05.2022

 

Visualizzazioni:
177

 

Band:
Lhasa Society
[MetalWave] Invia una email a Lhasa Society [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Lhasa Society

 

Titolo:
Obe

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Victor Bomì :: Synth, Guitar;
- Debbands :: Synth, Sequencer;
- Igor :: Drum, Drum Synth;

 

Genere:
Electro-Ambient / Post-Rock

 

Durata:
32' 6"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
11.03.2022

 

Etichetta:
Overdub Recordings
[MetalWave] Invia una email a Overdub Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Overdub Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Overdub Recordings

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

L’elettro post rock band torinese dei Lhasa Society, rilascia la terza uscita della propria esperienza musicale con “Obe”, un disco che, pur non avendo nulla a che fare con il metal, nella sua completa strumentalità, offre uno scenario sorprendente e naturale dandoci ancora una volta prova di dove possa arrivare l’insieme della logica e dell’elettronica nel mondo musicale. Il trio, attraverso l’ascolto di queste otto tracce, si imbatte su percorsi che affrontano il tema dello spazio temporale oltre il corpo affrontando l’immortalità dell’anima nello spazio infinito, figurato dalla band attraverso ritmiche all’interno delle quali le chitarre generano scenari incredibilmente attraenti. Il tutto assume una configurazione semi catartica in cui la band non si risparmia a generare parallelamente anche contesti più tendenti alla psichedelica così riuscendo al meglio ad ammaliare ed affascinare la propria platea; i suoni digitali propagano i propri effetti generando ed innescando nella mente dell’ascoltatore un viaggio incredibile fatto, in parte, anche di spiritualità e riflessione che ci accompagna a spasso nel tempo, ciascuno attraverso le proprie esperienze di vita individuali appartenenti alla nostra personale storia. Un disco prevalentemente di elettronica ma elettronica sana, se vogliamo quasi medicale che aiuta l’ascoltatore a trovare il proprio piccolo spazio su cui immergersi e lasciarsi trasportare dalla magia e dalle emozioni che solo questa band è in grado di realizzare con l’estro che la contraddistingue.

Track by Track
  1. 432 80
  2. Diapente 80
  3. Nyishar 80
  4. Nyinub 80
  5. Hovering 80
  6. Changa 80
  7. Paralyze 80
  8. Astral 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 01.05.2022. Articolo letto 177 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.