Mortem «Slow Death» (2022)

Mortem «Slow Death» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
26.04.2022

 

Visualizzazioni:
262

 

Band:
Mortem
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mortem [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Mortem

 

Titolo:
Slow Death

 

Nazione:
Norvegia

 

Formazione:
Steinar Sverd Johnsen :: Guitar
Marius Vold :: Vocals
Hellhammer :: Drums
Tor R. Stavenes :: Bass

 

Genere:
Black /Death Metal

 

Durata:
43' 20"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.02.2022

 

Etichetta:
Peaceville Records
[MetalWave] Invia una email a Peaceville Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Peaceville Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Peaceville Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Peaceville Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Peaceville Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Peaceville Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Peaceville Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Kezzme
[MetalWave] Invia una email a Kezzme [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Kezzme [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kezzme [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Kezzme

 

Recensione

Chi sono i Mortem? Sono di fatto una band che dopo aver fatto questo demo nel lontano 1989, si reincarna parzialmente negli Arcturus e poi ristampa questo demo e lo risuona con l’aggiunta di qualche bonus track esclusiva. E nella loro formazione risultano Marius Vold degli Arcturus e Hellhammer, tra gli altri.
Il tutto per un doppio Ep a due facce, del tutto risuonato nei primi 7 brani e con un tocco decisamente più consono alle band che si sono sprigionate successivamente da questa, con tanto di tastiera, con in più due brani, che sono l’inedito “Satanas” (sinceramente meno efficace, come brano), e “Likferd”, che altro non è se non una cover più armonizzata di “Funeral fog” di chi sapete voi. Il resto dei brani altro non sono che la ripetizione in scaletta del demo “Slow death”, stavolta in versione originale, il tutto per 43 minuti di musica che denota un’evoluzione di stile della band, ma anche una differenza sostanziale tra come suonava prima e come suonava dopo, per un risultato interessante.
Questo è quanto, fondamentalmente. Non si tratta di un disco nuovo o destinato a raddoppiare i fans dei Mortem, ma di un raccordo tra fans di nuova e vecchia data e, perché no, anche di qualche fan degli Arcturus. Disco di nicchia, ma bello.

Track by Track
  1. Mutilated corpse 2022 70
  2. Milena 2022 70
  3. Slow death 2022 75
  4. Agonized to suicide 2022 75
  5. Nightmare 2022 75
  6. Satanas 2022 65
  7. Likferd (MayheM Cover) S.V.
  8. Intro S.V.
  9. Mutilated corpse 70
  10. Milena 70
  11. Slow Death 75
  12. Agonized to suicide 75
  13. Nightmare 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 26.04.2022. Articolo letto 262 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.