Jax Diaries «Riverside Motel» (2021)

Jax Diaries «Riverside Motel» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
18.04.2022

 

Visualizzazioni:
212

 

Band:
Jax Diaries
[MetalWave] Invia una email a Jax Diaries [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Jax Diaries [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Jax Diaries

 

Titolo:
Riverside Motel

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Jaxon Mario Pezzi :: Vox
Andrew Fabio Pezzi :: Guitars
Andrew Asso :: Guitars
Frankie Sad Eyes :: Bass
Enrico Gallo :: Drums

 

Genere:
Alternative Rock

 

Durata:
45' 3"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.05.2021

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
PR Lodge Music Promotion
[MetalWave] Invia una email a PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di PR Lodge Music Promotion

 

Recensione

Come di consueto, ecco la bomba di album che non ti aspetti. Non sapevo nulla di questi Jax Diaries, eppure ci si presentano con questo “Riverside Motel”, che dovrebbe perfino essere il album d’esordio, davvero convincente.
Sulla roca voce del cantante, infatti, si staglia un rock alternativo agile, a volte con influenze sinfoniche e altre più elettroniche, con un gusto per i ritornelli e gli arrangiamenti davvero positivi, a volte dallo stile un po’ desertico come nella title track, e altre volte che utilizza le tastiere per elevarsi in brani come “Nowhere”, che anche grazie a una produzione ineccepibile riesce a farsi notare. Ma c’è di più: il sound dei JD infatti si rivela dinamico come in “When I turn I see the future”, che sembra partire come una ballad, e che invece poi esplode frizzante e con un ritornello vincente, anche se gli episodi migliori sono dati a metà disco, dalla triade di “Empty pages”, molto da singolo, passando per la riuscitissima e molto coinvolgente “Fury roads” per arrivare all’ombrosa ma comunque non lenta “Sad eyes”, per poi ritornare sul rock più desertico di “Came down to say hi” e concludere con la potente “Wildfire”. Certo, c’è qualche filler secondo me, come “San Francisco” o una “Caliber .22” che non mi sembra troppo diversa da “Nowhere” come idee, ma questo non inficia più di tanto la riuscita di un album davvero fresco, coinvolgente e frizzante.
Poco da dire: se l’alternative rock è il genere che v’interessa, questo “Riverside Motel” dei Jax diaries è ciò che fa per voi, alla faccia di Imagine Dragons, X ambassador, Portugal the man e porcherie simili.

Track by Track
  1. Riverside Motel 70
  2. Breakfast at 3P.M. 70
  3. Nowhere 75
  4. When I turn I see the future 75
  5. Disconnected 70
  6. Empty pages 80
  7. Fury roads (Boom boom) 85
  8. Sad eyes (The november man) 80
  9. San Francisco 65
  10. Came Down To Say Hi (Feat. DD Lacuna Coil) 75
  11. Caliber .22 65
  12. Wildfire 80
  13. Miracle 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 18.04.2022. Articolo letto 212 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.