Estetica Noir «This Dream in Monochrome» (2022)

Estetica Noir «This Dream In Monochrome» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
26.02.2022

 

Visualizzazioni:
381

 

Band:
Estetica Noir
[MetalWave] Invia una email a Estetica Noir [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Estetica Noir [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Estetica Noir [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Estetica Noir

 

Titolo:
This Dream in Monochrome

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Silvio Oreste :: voce, chitarre e loop e sequenze;
- Rik Guido :: basso;
- Paolo Accossato :: batteria;
- Marco Caliandro :: synth, cori, loop e sequenze;

 

Genere:
Rock / New Wave

 

Durata:
44' 2"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.02.2022

 

Etichetta:
Red Cat Records
[MetalWave] Invia una email a Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Red Cat Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Red Cat Promotion
[MetalWave] Invia una email a Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Red Cat Promotion

 

Recensione

Torna sulle scene la band torinese degli Estetica Noir, forte di dieci nuove tracce racchiuse in “This Dream In Monochrome”, album di matrice darkwave e dall’inconfondibile sapore anni ’80 che apparentemente potrebbe dare l’impressione del già sentito e risentito; in realtà non è così, la band riesce a superarsi in maniera magistrale. Al di là dell’elettronica e dei synth che offrono un ampio operato nella genesi del disco, la band sviluppa un sound in modalità new wave tendente a richiamare l’attenzione dei Cure con la particolarità di limare suoni al punto da offrire tendenze più industrial da cui emerge una inconfondibile vena malinconica, riflessiva e profonda. Il viaggio prefissatosi dalla band è una sorta di interiorizzazione e di ricerca dell’io che, nella propria grigia ed oscura dimensione, porta ad un’amara, cruda ed inquietante riflessione proiettata nel mondo reale. Tra i dieci brani rilasciati dalla band, tolte “Striate Body” e “Sweeper” presentati già come singoli, meritano menzione la splendida “Room Of Mask” forte di straordinarie atmosfere ricreate in maniera fedelissima grazie a rarefatti effetti sonori e ad una micidiale interpretazione vocale; splendida “N.U.” un brano che porta l’ascoltatore indietro nel tempo ad assaporare un qualcosa di magico e che mai tramonterà; “Climbing Up The Loneliness” chiude il disco in maniera quasi solenne, lasciando un grigio velo tra dita volare all’infinito in un contesto oscuro. Opera straordinariamente matura per la band, un disco straordinario.

Track by Track
  1. Room Of The Mask 85
  2. Sweeper 80
  3. Striate Body 80
  4. Autumn 85
  5. N.U. 85
  6. Dawn Of Pluto 80
  7. Nyctophilia 80
  8. X 80
  9. The Fall 80
  10. Climbing Un The Loneliness 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 26.02.2022. Articolo letto 381 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.