Rabid Dogs «Black Cowslip» (2022)

Rabid Dogs «Black Cowslip» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
08.01.2022

 

Visualizzazioni:
157

 

Band:
Rabid Dogs
[MetalWave] Invia una email a Rabid Dogs [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rabid Dogs [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rabid Dogs [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Rabid Dogs [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Rabid Dogs

 

Titolo:
Black Cowslip

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Blade :: Bass Guitar, Vocals
Doc :: Guitar, Vocals
32 :: Drums, Vocals

 

Genere:
Stoned / Grind 'n' Roll

 

Durata:
31' 20"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.01.2022

 

Etichetta:
Time To Kill Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Time To Kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Time To Kill Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Anubi Press
[MetalWave] Invia una email a Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anubi Press

 

Recensione

Nuovo album per i Rabid Dogs, band definita grind n roll da Atessa, e che con “Black cowslip” condensa in realtà 10 brani di un mix tra stoner, punk/rock, sludge e hardcore, il tutto quasi senza blastbeats, se si eccettua qualche accenno su “Charlie lucky”.
Sono ormai cambiati i Rabid Dogs, lontani dalle loro origini grind più violente e anche dall’omonimo brano loro, il growl non c’è più ed in compenso è stato rimpiazzato dai generi suddetti amalgamati alla perfezione, con tanto di assolo di armonica a bocca nei brani, che rendono il tutto più destabilizzante nei primi brani, e quasi da accompagnamento alle parti desertiche stoner di “Angel face”, e tutto questo senza dimenticare altre trovate come il cowbell di “The law of the strongest”, il tutto per un risultato ineccepibile, e che semmai suona molto più efficace quando è stoner che quando è HC, come ci dimostra la potente “Raw deal” o “Frisco joe”, tra i migliori brani del disco, in quanto i più lineari ma anche quelli più immediati e coinvolgenti.
Tutto è preciso come deve essere, e per quanto non gridiamo al miracolo, questo “Black Cowslip” rappresenta un passo avanti nell’evoluzione musicale di questi ragazzi, sempre più a loro agio in questo lento ma costante cambio di sonorità. Se lo stoner rock/HC è il genere vostro, date una chance di acquisto ai Rabid Dogs.

Track by Track
  1. The crown and the fist 70
  2. Fucking spaced out 70
  3. Frisco joe 75
  4. The law of the strongest 70
  5. Black cowslip 70
  6. Raw deal 75
  7. Sgt. Kempfer 65
  8. The theban 65
  9. Charlie lucky 70
  10. Angel face 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 08.01.2022. Articolo letto 157 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.