Becerus «Homo Homini Brutus» (2021)

Becerus «Homo Homini Brutus» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Bata »

 

Recensione Pubblicata il:
14.12.2021

 

Visualizzazioni:
186

 

Band:
Becerus
[MetalWave] Invia una email a Becerus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Becerus

 

Titolo:
Homo Homini Brutus

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Paul Bicipitus - Drums
Giorgio Trombino - Guitars, Bass
Mario Musumeci - Vocals

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
25' 12"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.04.2021

 

Etichetta:
Everlasting Spew Records
[MetalWave] Invia una email a Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Everlasting Spew Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Esordio sulla lunga distanza per questo nuovo gruppo death metal (e già dal nome qualcosa si può intuire di cosa aspettarsi) guidato da Mario Musumeci dei Balatonizer (voce) e da Giorgio Trombino degli Assumption (chitarra/basso). Mistero sul batterista (Paul Bicipitus)!! Vengono da Palermo e sulla confezione del disco appare la scritta in bella mostra “Becerus have absolutely NO LYRICS!” Tanto per non avere dubbi. Death metal grezzo, brutale ignorante e primitive (tutto in senso positive) con pezzi al Massimo di 3 minuti e mezzo e che fanno affiorare le influenze statunitensi (Penso che le influenze più evidenti siano Cannibal Corpse, Autopsy ma (e non so quanti se li ricordino) i primi BROKEN HOPE) dei primi anni del 90. Death metal gutturale e, non per ripetermi, ignorante e grezzo ma che non sfocia mai nel caos. Ma non si a qua una mera ripetizione di quei suoni tanto cari ma vien fuori la capacità di Giorgio di impreziosire il suono con stacchi melodici e una tecnica sopra la media, dando comunque respiro all’assalto di questo muro di suono.
Impossibile scegliere una canzone; qua il disco o si ama in blocco o lo si rifiuta.. ed io ho scelto la prima opzione. Particolare (come dicevo già all’inizio) il fatto di non avere testi ma la parte vocale di Mario fatta di grugniti e scream funziona eccome.
Un album davvero riuscito.

Track by Track
  1. Foggy Dimension 85
  2. Primeval Ignorantia 85
  3. Grotesque Parsifal Sucurandus 85
  4. Circular Deficiency 85
  5. Balordicus 85
  6. Latent Primordium 85
  7. Hymn to Ungainly Corpulence 85
  8. Incapacity 85
  9. Marginal Presence 85
  10. Bifolcus 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
85

 

Recensione di Bata » pubblicata il 14.12.2021. Articolo letto 186 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.