Linistit «Evil Arises» (2021)

Linistit «Evil Arises» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.10.2021

 

Visualizzazioni:
268

 

Band:
Linistit
[MetalWave] Invia una email a Linistit [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Linistit

 

Titolo:
Evil Arises

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Damevil :: Bass
Black Beast :: Drums
Katros :: Guitars
Angelus :: Guitars
Triria :: Vocals

 

Genere:
Metal

 

Durata:
38' 38"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.03.2021

 

Etichetta:
Dark Hammer Legion
[MetalWave] Invia una email a Dark Hammer Legion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dark Hammer Legion
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

I Linistit sono una nuova band da Ragusa, composta perlopiù da ragazzi senza grossa esperienza in musica black metal, e che comunque provano a fare direttamente un full length black metal, che consiste in questo “Evil Arises”, che condensa 6 brani più intro in 38 minuti e mezzo di musica, il tutto per un risultato non da disprezzare, ma vistosamente acerbo.
L’ascolto dell’album infatti non rivela una band scassata: la qualità sonora e la produzione sono buoni, gli arrangiamenti sono basici ma riusciti, e la cantante Triria fortunatamente sa cos’è la metrica vocale. Ciò che purtroppo penalizza la maggioranza di “Evil arises” è infatti il riffing dei chitarristi, molto influenzati dal thrash e dal death, come palm mute e melodie basilari fanno notare, e che in generale suonano o generici nelle parti veloci e chiaramente non black metal, oppure suonano non male nelle parti melodiche, ma fuori tiro, con una melodia fin troppo dolce in “Linistit”, un’altra su “Anneliese” che in realtà è buona, ma che si può mettere su tanti generi musicali che non siano black, e con un’altra su “Promised to hell” non male ma non memorabile. Non aiuta purtroppo l’errore abbastanza dozzinale di non mescolare affatto a volte le due componenti poc’anzi dette, per un risultato che prima suona in un modo e poi in uno diverso non collegato, come nella già nominata “Linistit” o la negativa “My black soul”, carina a parti, ma non nel complesso.
In altre parole, “Evil arises” è un inizio onesto e senza errori vistosi, eccetto quello appena descritto (e forse anche una copertina che rimanda troppo al primo disco dei Cradle of filth ma in versione più brutta copia e anche troppo erotica e poco blasfema), ma che ha il difetto di suonare molto ordinario e già sentito. Certo, non ci aspettavamo la next big sensation, ma resta il fatto che il sound generico e acerbo si sente, e rende il disco discreto, ma nulla più. Trattandosi di un debutto discografico, promuoviamo la band con una sufficienza d’incoraggiamento, ma per ambire a livelli più alti serve di fare più esperienza e affilare il riffing.

Track by Track
  1. Martyrium - Intro S.V.
  2. Dreams of death 65
  3. Linistit 60
  4. Fire eternal 60
  5. My black soul 55
  6. Anneliese 65
  7. Promised to hell 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
60

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.10.2021. Articolo letto 268 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.