Frozen Hell «Frozen Hell» (2021)

Frozen Hell «Frozen Hell» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
25.09.2021

 

Visualizzazioni:
290

 

Band:
Frozen Hell
[MetalWave] Invia una email a Frozen Hell [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Frozen Hell [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Frozen Hell

 

Titolo:
Frozen Hell

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Tazzo :: vocals;
- Omar Schiavetto :: guitars;
- Patrick :: drums;
- Tech :: bass;

 

Genere:
Melodic Death Metal

 

Durata:
1h 17' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.04.2021

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Frozen Hell rilasciano questo omonimo, secondo album di fine carriera preceduto anche da due Ep e demo, contenente una serie di brani realizzati diverso tempo fa e riarrangiati nel corso del lungo lock-down dello scorso anno. La band, fautrice di un death metal melodico di tutto rispetto, sprigiona una forza estremamente intensa ma tutt’altro che banale, frutto di una precisione e cura estrema sia nell’ elaborazione che nella successiva produzione dei brani. Ciò che indubbiamente premia l’estro del combo è in sostanza, al di là della tecnica, anche la buona intuizione nell’offrire un sound estremamente pulito e coerente con il genere che ben si collima con i contenuti delle tracce che in ogni caso piacciono, ma dopo un po’, paiono diventare un po’ monotone nei contenuti. Come si accennava tecnica e bravura a iosa ma alla fine il disco, se possiamo fare un paragone con il suo predecessore, pare non avere un obiettivo ben preciso. Imbarazzanti per la tecnica e l’estrema precisione chirurgica “Endure The Past”, “Ruined Path” brani di eccellenza, al pari dell’oscura quanto tenebrosa “Lonely Man Stands Alone”, forte di un’energia spaventosa e potentissima tra blast beat e granitico sound; splendide anche “Lies” e “Helpless”, altre due magnificenze pregne di variazioni e tecnica. Un disco che, pur segnando il fine carriera della band, al di là dei contenuti e pur se privo di un obiettivo ben preciso, dimostra come ancora questo progetto avrebbe ben potuto offrire molte emozioni a tutta la compagine dei fan.

Track by Track
  1. Sorrow Strike Back 75
  2. Endure The Past 80
  3. Back For You 80
  4. Ruined Path 80
  5. Ghost Of My Past 75
  6. Last Breath Of Sunlight 80
  7. Lonely Man Stands Alone 80
  8. Lies 85
  9. Lost 80
  10. Helpless 80
  11. Frozen Hell 75
  12. Il Grezzo è voluto (Bonus Track) S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 25.09.2021. Articolo letto 290 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.