Argesh «Excommunica» (2021)

Argesh «Excommunica» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.09.2021

 

Visualizzazioni:
117

 

Band:
Argesh
[MetalWave] Invia una email a Argesh [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argesh [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Argesh [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Argesh

 

Titolo:
Excommunica

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- HHG :: Chitarre, Batteria, Rinforzi voce;
- Il Rakshasa :: Chitarre;
- Azghal :: Basso, orchestra;

 

Genere:
Epic Black Metal

 

Durata:
32' 50"

 

Formato:
Mini-CD

 

Data di Uscita:
14.09.2021

 

Etichetta:
Nero Corvino Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nero Corvino Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il debutto degli Epic Black Metal nostrani chiamati Argesh ha un certo fascino se consideriamo che nella propria compagine oltre a qualche influenza tra Dimmu Borgir, Behemoth e Septic Flesh, qualche contaminazione delle più recenti band di matrice sinfonica, c’è soprattutto una buona dose di personalità. Le sei tracce di “Excommunica” richiamano un contesto che abbraccia una linea di confine racchiusa tra filosofia ed oltretomba delineando un contesto che segna la lunga lotta tra religione e moralità. La cupa atmosfera che si delinea in poco più di una mezz’ora di ascolto offre la possibilità di apprezzare e comprendere sino in fondo i contenuti di questo lavoro che si contestualizzano tra feroci ritmiche, epicità, orchestrazioni, riff taglienti e un’ottima interpretazione dello scream in continuo mutamento tra un tempo e l’altro. Al di là di un certosino lavoro di studio, il platter offre anche la partecipazione di diverse guest della scena black nazionale tra parti vocali e lead solo di chitarra. L’ottima produzione indubbiamente fa anche tutto il resto ma indubbiamente, ascoltare questo disco, sinceramente ci meraviglia non poco che sia proposto da una band nazionale e ci fa essere non poco fieri di questo. Non molte paiono le realtà nazionali capaci si offrire uno spettacolo incredibile come questo, frutto di colpi di scena e di iniziative tutt’latro che blasonate o rielaborate a mò di copia e incolla. Una vera sorpresa che lascia il segno, un segno che indubbiamente nel nostro panorama mancava.

Track by Track
  1. Abiura 80
  2. Suffocate in Oxygen 80
  3. Source Of Miracles 75
  4. Praelatorum Paedophilia 80
  5. Apocalypse 20.7-8-9 80
  6. The Elohim's Mark 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.09.2021. Articolo letto 117 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.