Balletto di Bronzo «The Official Bootleg» (2020)

Balletto Di Bronzo «The Official Bootleg» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
28.08.2021

 

Visualizzazioni:
154

 

Band:
Balletto di Bronzo
[MetalWave] Invia una email a Balletto di Bronzo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Balletto di Bronzo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Balletto di Bronzo

 

Titolo:
The Official Bootleg

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gianni Leone :: vocals, keyboards
Ivano Salvatori :: bass
Riccardo Spilli :: drums
Nevruz :: vocals on track 8

 

Genere:
Progressive Rock

 

Durata:
1h 1' 1"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.09.2020

 

Etichetta:
Black Widow Records
[MetalWave] Invia una email a Black Widow Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Black Widow Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Nel 2018 a Roma si esibisce la classica band progressive Balletto di Bronzo, e la Black Widow decide di registrare l’album e pubblicarlo, per un disco di 71 minuti di musica dal vivo. E basta, la recensione potrebbe anche finire qua, visto che qui non si parla di qualcosa del passato spacciato per classico, ma qualcosa di oggettivamente classico.
In questo disco troveremo il seminale “YS” rifatto totalmente e con “Primo incontro” riproposta due volte, la seconda delle quali con un cantante che francamente non conosco, proveniente dai talent, e definito come “il talento che è venuto fuori da un non-talent show”, e anche alcuni altri brani, come l’inedita “Diaframma”, che sottolinea come tra le definizioni di generi musicali la differenza può essere sottile come un diaframma, oltre a “Donna Vittoria” e “La discesa nel cervello”. Si aggiunge un outro di 9 minuti consistente in un discorso conclusivo del cantante Gianni Leone, in cui ringrazia ospiti presenti come degli ex membri e Claudio Simonetti, di cui non c’è bisogno di spiegare chi è.
Tutto qua. Spiegare com’è quest’album è come spiegare perché i Beatles sono storici o perché Steve di Giorgio (per dirne uno) è bravo al basso. Questa è musica che s’ascolta, e che ringrazio che ancora esiste, visto che (citando il cantante Gianni Leone) l’appellativo di Rock bisogna guadagnarselo. Il voto a quest’album è molto alto sia perché la musica è questa, sia per l’umiltà del gruppo, sia per bagaglio culturale. Poi se preferite sentirvi l’ennesimo one hit wonder proveniente da soundcloud, tiktok o chennesò quale altro mezzo fate pure, ma la storia è una sola e non sono certo quei brani scarsi e ultra-promossi a farla.

Track by Track
  1. Introduzione 90
  2. Primo Incontro 90
  3. Secondo Incontro 90
  4. Terzo Incontro 90
  5. Donna Vittoria 90
  6. La discesa nel cervello 90
  7. Diaframma 90
  8. Primo Incontro (feat. Nevruz) 90
  9. Marcia In Sol Maggiore + Bla bla bla (Outro) 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 95
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
91

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 28.08.2021. Articolo letto 154 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.