Sarram «Albero» (2021)

Sarram ĞAlberoğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
23.08.2021

 

Visualizzazioni:
138

 

Band:
Sarram
[MetalWave] Invia una email a Sarram [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sarram [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sarram

 

Titolo:
Albero

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Valerio Marras :: All instrument, drone;

 

Genere:
Drone / Ambient / Post-Rock

 

Durata:
39' 26"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.05.2021

 

Etichetta:
Subsound Records
[MetalWave] Invia una email a Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Subsound Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Kairos Promotion
[MetalWave] Invia una email a Kairos Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kairos Promotion

 

Recensione

“Albero”, è il quarto disco dell’autore solista Marras, già noto per le sue iniziative strumentali propositive, frutto di paesaggi sonori generati tra dark ambient sperimentale, drone, post rock e immancabilmente doom. Anche questo nuovo lavoro non si discosta dai precedenti dischi e, ancora una volta, l’autore sviluppa su frequenze piuttosto basse, tutta la propria creatività sino a farla sfociare in un delirante e spettacolare paesaggio sonoro. Il suono distorto e difforme della chitarra offre degli scenari incredibili che non tardano a catturare l’attenzione dell’ascoltatore su spazi desertificati e su contesti al confine tra il reale e il surreale; a riprova di ciò basti considerare che, sin dall’opener riservata a “Heavy Sleep”, il suono si sviluppa su basse frequenze idealizzando quasi un contesto spettrale che si propaga anche con le disarmanti note in arpeggio generate da “The Sound Of A Needle”; ma ancora il breve intermezzo incantato e oscuro di “Sinking Shadows”, che ricorda un violino il cui suono si trasforma con le successive note pungenti di un synth; indimenticabili i contesti rumorosi al limite del mistico di “Fading Sunlight” che ci conducono al finale quasi fiabesco e pinocchiesco di “The Far Side Of The Moon” spettacolarizzando al meglio l’agghiacciante e oscuro sound in maniera magistrale. Il lavoro, ancora una volta ci conferma la cura e la maestria che il proprio autore ha nell’inscenare in maniera sin troppo reale ciò che in definitiva appartiene ad un mondo irreale.

Track by Track
  1. Heavy Sleep 75
  2. The Sound of a Needle 75
  3. Scraps of Paper 80
  4. Sinking Shadows 80
  5. Diving Deep 75
  6. Fading Sunlight 80
  7. Midnight 75
  8. The Far Side of the Moon 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 23.08.2021. Articolo letto 138 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.