Katabase «The Naeon Droneroom» (2020)

Katabase «The Naeon Droneroom» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
25.07.2021

 

Visualizzazioni:
122

 

Band:
Katabase
[MetalWave] Invia una email a Katabase [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Katabase [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Katabase

 

Titolo:
The Naeon Droneroom

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Carlos Mastantuono :: All instruments

 

Genere:
Retrowave

 

Durata:
33' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
04.12.2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Katabase è un side project di Carlos Mastantuono ex chitarrista di Hideous Divinity, Hideous Divinity e Prometheus Unbound, che in questi 33 minuti ci propone 9 brani di synthwave strumentali, che per chi non ancora lo sapesse consiste fondamentalmente in un soundscape che suona simile al synth pop degli anni 80, di cui probabilmente il caso più famoso è la nota “Blinding lights”.
“The naeon dreamroom” consiste in un ascolto facile facile, che va preso esattamente per quello che è, cioè un side project estemporaneo targato 2020 molto fatto al computer, senza pretese ma con tanta onestà e anche, sinceramente, un po’ di superfluità. Infatti, l’ascolto di “The naeon dreamroom” rivela una serie di brani carini, che vanno bene all’inizio anche se “Rondò Colombiano” è nulla più che una buona idea abbozzata che poteva altrimenti divenire un bel brano, e se brani comunque positivi come la prima o la quarta traccia ci fanno ben sperare, a volte si sentono alcuni appigli un po’ troppo marcati a qualche nume tutelare, come “Bottle in a message” che va a suonare troppo debitrice a “Smalltown boy” di Bronski Beat, mentre il settimo brano deve praticamente tutta la sua esistenza ai Depeche Mode. Il disco ha a questo punto già demarcato le proprie influenze e va scemando in quanto a freschezza nei due brani conclusivi, che fanno quanto già sostanzialmente fatto dai brani precedenti.
“The naeon dreamroom” dunque va visto per ciò che è, come detto: un divertimento. Uno sfogo compositivo e niente più, qualcosa di interessante come iniziativa, ma nella media e anche abbastanza generico nei risultati. Se sballate per questo genere provate a dargli un ascolto, ma non ci troviamo davanti alla next new synthwave thing.

Track by Track
  1. Xenon dragonflies in Kerian City 65
  2. Rondo' Colombiano 65
  3. Second life karmachine 60
  4. 34th century omega blockers 65
  5. Bottle in a message 60
  6. The naeon dreamroom 60
  7. Theme from the covid killers squad 65
  8. Nevina (A requiem) 60
  9. Harriers of the world unite 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
62

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 25.07.2021. Articolo letto 122 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.