Idolos «Náa» (2021)

Idolos Na | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
05.07.2021

 

Visualizzazioni:
217

 

Band:
Idolos
[MetalWave] Invia una email a Idolos [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Idolos [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Idolos

 

Titolo:
Náa

 

Nazione:
Francia

 

Formazione:

 

Genere:
Atmospheric Black Metal

 

Durata:
24' 5"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2021

 

Etichetta:
Non Posse Mori Records
[MetalWave] Invia una email a Non Posse Mori Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Non Posse Mori Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Non Posse Mori Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Non Posse Mori Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Non Posse Mori Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Molto accattivante questo secondo Ep degli Idolos intitolato “Nàa” disposto su quattro tracce di delirante atmospheric black metal; punto forte del lavoro è indubbiamente la fantastica corresponsione tra i contesti più tirati e le parti melodiche disposte su un angosciante segmento surreale tra atmosfere acustiche realizzate tra delay e annessi effetti. Il marciume che il growl espelle è tanto tra una nota e l’altra, tra passaggi spinti e contesti quasi in mid tempo. “Prolog 2.0” apre le danze generando un contesto ed una ambientazione tetra quasi ad introdurre il delirio che esploderà con la successiva “The Descent”, traccia che parte sin da subito spinto al massimo delle forze in cui le buone iniziative della band non tardano a mettersi in evidenza tra ottimi suoni e melodie; segue poi “The Tricks Of The Lady Body” un brano particolarmente atmosferico in cui l’acerbo growl su una base acustica offre al meglio la propria apparente e moderata esecuzione tra synth e una successiva accelerazione delle ritmiche; segue poi una nuova apertura atmosferica dai toni immancabilmente cupi per il conclusivo “The Miracle Of The Maize” dove la conflittualità tra moderazione ed accelerazione ritmica offrono uno spaccato ancor più evidente di come questa band sa farsi apprezzare e della qualità che la contraddistingue. Auspichiamo dopo due Ep ad un successivo, prossimo primo full lenght da promuovere sicuramente a pieni voti.

Track by Track
  1. Prolog 2.0 80
  2. The Descent 80
  3. The Tricks Of The Lady Body 85
  4. The Miracle Of The Maize 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 05.07.2021. Articolo letto 217 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.