Acts of Tragedy «Acts of Tragedy» (2020)

Acts Of Tragedy «Acts Of Tragedy» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
28.05.2021

 

Visualizzazioni:
417

 

Band:
Acts of Tragedy
[MetalWave] Invia una email a Acts of Tragedy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Acts of Tragedy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Acts of Tragedy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Acts of Tragedy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Acts of Tragedy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Acts of Tragedy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Acts of Tragedy

 

Titolo:
Acts of Tragedy

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Castellano :: Drums
Andrea Orru' :: Vocals
Lorenzo Meli :: Bass
Paolo Mulas :: Guitar
Gabriele Murgia Guitar, Vocals

 

Genere:
Post Hardcore / Metalcore

 

Durata:
25' 3"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
30.11.2020

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

Ep di raccordo per i Sardi Act of Tragedy, una band che già ci aveva ben impressionato con delle precedenti releases, e che in questo Ep ci propone un metalcore ripartito in 5 brani per 25 minuti, con sapienti variazioni tra post/HC, groove e southern, senza dimenticare ritornelli più melodici ma non per questo sciacquati, e in cui il miglior esempio delle capacità di questi ragazzi è dato da “My worst disease”, un brano che comincia in maniera post/HC con chitarre dissonanti, solo che invece di rimanere schiavi di questi riffs, i nostri sanno cambiare marcia con un ritornello riuscito, nonché con un groove finale che dona dinamismo al brano, per un risultato che mette questo brano al di sopra di tutti gli altri in questo Ep. Altrove sono le quantità degli ingredienti musicali che variano, con una “Dead tides” decisamente più metalcore oriented, o una “Wretched tongue” che unisce southern rock a parti molto meno distorte.
Questi sono solo alcuni esempi delle potenzialità dei nostri Acts of Tragedy, una band tutt’altro che scontata, e che ci propone una valida anteprima dei loro lavori futuri, ben più variegati e polimorfi di tante altre bands metalcore fatte con lo stampino. Rimaniamo sintonizzati.

Track by Track
  1. Dead tides 70
  2. My worst disease 75
  3. Wretched tongue 70
  4. Perspective 70
  5. Lead oppression 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 28.05.2021. Articolo letto 417 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.