Nahaya «Vital Alchemy» (2021)

Nahaya «Vital Alchemy» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
16.05.2021

 

Visualizzazioni:
322

 

Band:
Nahaya
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nahaya [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nahaya [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Nahaya [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Nahaya [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Nahaya

 

Titolo:
Vital Alchemy

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Semir Özerkan - Bass
Zachary Herber - Drums
Daniel Abbott - Guitars
Ryan Peters - Guitars
Carl Elfin Ford - Vocals

 

Genere:
Melodic Death / Thrash Metal

 

Durata:
25' 7"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
21.05.2021

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Asher Media Relations
[MetalWave] Invia una email a Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Asher Media Relations

 

Recensione

I texani Nahaya rilasciano il loro terzo disco intitolato “Vital Alchemy” che si discosta parzialmente dai precedenti lavori pur offrendo diverse emozioni che non tarderanno a rendere felici i fans più sfegatati del combo. Ciò che viene subito in evidenza è il suono piuttosto spigoloso e che in definitiva ben collima con la cattiveria che caratterizza il thrash metal melodico della band; immancabili quindi melodie, groove, fino a qualche passaggio più speed che offre un qualcosa di più sperimentale rispetto al passato. Tra le tracce, dopo un intro, l’apertura è riservata a “Deific Mask”, dove subito il potenziale viene fuori con le sfaccettature sopra richiamate pronto poi a cedere il passo alla grintosa e imponente “Vital Alchemy”, potente e schietta come un fulmine con le sue innumerevoli varianti ritmiche; molto southern l’apertura riservata a “Incubator”, brano dalle sembianze lente e moderate che si alterna a momenti dinamici in cui lo scream alterna la sua cattiveria in favore di un morbido clean; non male neppure la forza travolgente di “Kali Yuga” subito pronto a confrontarsi con altre due intense performance riservate per “Midnight Fidelio” e “Aghori Fires”, ultimo contenuto del disco in cui imperia melodia e forza ritmica di livello. Ancora una volta la band, anche se con un leggero cambio di direzione e con le proprie inimitabili iniziative ritmiche, non delude affatto le aspettative e detta legge con la forza inarrestabile di questo lavoro.

Track by Track
  1. Madness of Maenads S.V.
  2. Deific Mask 75
  3. Vital Alchemy 80
  4. Incubator 70
  5. Kali Yuga 75
  6. Midnight Fidelio 75
  7. Aghori Fires 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 16.05.2021. Articolo letto 322 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.