Lord Drunkalot «Heads & Spirits» (2021)

Lord Drunkalot «Heads & Spirits» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
24.04.2021

 

Visualizzazioni:
323

 

Band:
Lord Drunkalot
[MetalWave] Invia una email a Lord Drunkalot [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Lord Drunkalot [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Lord Drunkalot [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Lord Drunkalot

 

Titolo:
Heads & Spirits

 

Nazione:
Croazia

 

Formazione:
- Ganjalf The Black aka Narkobuddha :: Guitars, Vocals;
- Ratimir Nebozemlja :: Bass;
- Party Barbarian aka Al
kobuddha :: Drums;

 

Genere:
Doom Metal

 

Durata:
40' 11"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.04.2021

 

Etichetta:
Planet K Records
[MetalWave] Invia una email a Planet K Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Planet K Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
The Metallist PR
[MetalWave] Invia una email a The Metallist PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Metallist PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Metallist PR

 

Recensione

Dalla Croazia, i Lord Drunkalot, rilasciano questo eccentrico e divertente disco di debutto intitolato “Heard & Spirits”, preceduto solamente da un disco live risalente al lontano 2016 in cui il doom metal fa da padrone di casa nell’indole più profonda di questa band. Ciò che colpisce, al di là di una certa e tutt’altro che indifferente grinta del trio, è il modo personale di interpretare un genere come questo in cui, già come si evince facilmente dalla simpatica artcover di presentazione del disco, ben lascia comprende cosa si andrà ad ascoltare. Il caldo e grintoso clean fa la propria figura al punto da offrire un buon impatto anche attraverso i riff massicci e ai chorus di matrice quasi grunge. Emerge in sostanza dall’ascolto delle sei tracce un sound personalizzato ed un doom metal che assume, nella propria ineludibile genetica, tratti molto personali al punto da renderne i contenuti molto più attraenti rispetto ai comuni dischi doom. Il tutto prende subito vigore con l’esuberante compattezza di “2+2=3”, un brano che sin da subito lascia intendere per il proprio sapore heavy, che i contenuti del disco assumeranno toni tutt’altro che scontati rispetto alla media; le note quasi felpate di “Sun Demons” materializzano a poco a poco la particolarità del lavoro, al suo top con i contenuti del successivo “Head & Spirits”, in cui a fare la differenza sono i melodici e i buoni lead solo; non male neanche “Blakulla”, forte delle sue note pizzicate e di quel sapore oscuro che mai abbandona la grandezza del lavoro; seguono poi “Age of Aquilation” e la conclusiva “Withfucker” due brani di enorme portata in cui emerge incessantemente la forza di questa band la cui forza incredibile e l’annessa aggiunta di tantissima personalità fregia non poco i contenuti di questo disco. Lavoro consigliatissimo.

Track by Track
  1. 2+2=3 75
  2. Sun Demons 80
  3. Heads & Spirits 85
  4. Blakulla 80
  5. Age o f Aqualion 80
  6. Witchfucker 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 24.04.2021. Articolo letto 323 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.