Terravore «Vortex Of Perishment» (2020)

Terravore «Vortex Of Perishment» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.04.2021

 

Visualizzazioni:
272

 

Band:
Terravore
[MetalWave] Invia una email a Terravore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Terravore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Terravore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Terravore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Terravore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Terravore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Terravore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Terravore

 

Titolo:
Vortex Of Perishment

 

Nazione:
Bulgaria

 

Formazione:
Kalin Bachvarov :: Vocals, Bass
Trendafil Trendafilov :: Drums
Ivan Lazarov :: Guitars, Vocals
Boiko Nikolaev :: Guitars, Vocals

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
47' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.11.2020

 

Etichetta:
Punishment 18 Records
[MetalWave] Invia una email a Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Punishment 18 Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Davvero ben riuscito questo secondo album dei Bulgari Terravore, una band thrash metal graziata dalla Punishment 18 records, e che in questi quasi 48 minuti di musica di questo “Vortex of perishment” sanno tenerti sveglio e reattivo a suon di brani lunghi, scatenati e fantasiosi di riffs, elemento che costituisce la carta vincente di quest’album.
Basta infatti ascoltare la opener “Poltergeist” per scoprire che il sound di questi ragazzi infatti si rifà nientemeno che ai Bulldozer dell’ultimo album, forse un po’ più melodici, mutuati anche con qualche cosa dei sudamericani Tungsteno e Death Mechanism, e tutto viene confermato dalla successiva “Vespa crabro”, un brano dove tra l’altro va evincendosi sempre di più il fatto che in questo disco saranno le chitarre soliste a rendersi mattatrici della situazione, con una serie di assoli lunghi e articolati, così come la tradizione vuole. E se brani come “Decapitating lead” vanno a rifarsi ai Metallica mentre il brano citato sputa violenza che è un piacere, spuntano anche un po’ di Anthrax in “Carnal beast”, un brano che va a issarsi a brano migliore della situazione insieme a “Fatal desire”, la più furiosa e cattiva, tanto da rasentare a volte il death/thrash.
Non c’è che dire: “Vortex of perishment” è un vortice nel quale ci piace farci risucchiare a suon di headbanging e mosh. Davvero ben fatto, e acquisto caldamente consigliato per chi non ha mai dimenticato la sacra arte del thrash old school, tanto meglio se sballate per i Bulldozer.

Track by Track
  1. Poltergeist 75
  2. Vespa Crabro 80
  3. Carnal beast 80
  4. Rupture - Intermezzo S.V.
  5. Decapitating lead 80
  6. Army of rancors 75
  7. Fatal Desire 80
  8. Nuclear Dawn 80
  9. Journey to the end of time 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.04.2021. Articolo letto 272 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.