Infernalizer «The Ugly Truth» (2021)

Infernalizer «The Ugly Truth» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
08.04.2021

 

Visualizzazioni:
204

 

Band:
Infernalizer
[MetalWave] Invia una email a Infernalizer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Infernalizer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Infernalizer

 

Titolo:
The Ugly Truth

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Claudio Ravinale :: Vocals
(other members not listed)

 

Genere:
Modern Goth / Horror Metal

 

Durata:
35' 44"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.02.2021

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nonostante il nome della band e un certo look col face painting, in realtà gli Infernalizer sono un side project di Claudio Ravinale dei Disarmonia mundi (Gli altri membri non sono menzionati), e ci propongono ciò che sommariamente si può definire gothic rock, a tratti con personalità sfumate fino a certo melodeath, per una personalità un po’ scollata magari, ma che in un side project ci sta.
E per la verità “The ugly truth” svolge bene il suo compito, magari in maniera un po’ canonica e non molto originale, ma con un risultato pregevole, che si rivela simpatico sin dall’opener “The outsider” classica ma non male, e con i due brani successivi da sicuro singolo, mentre “Cruel intentions” usa la rodata ma sempre funzionante carta del brano costruito attorno a un bel giro di pianoforte, anche se con una voce più dura, e più o meno ci si muove tra queste influenze, semmai con una “Leave a scar” più che fa il verso ai Poisonblack, mentre il brano precedente torna a virare su lidi più melodeath, il tutto per 7 brani più intro, outro e cover che probabilmente suonano tutti un po’ costantemente alla ricerca del passaggio cantabile, e forse dove era auspicabile anche una ballad più romantica o più assoli, ma anche così non ci lamentiamo, e poco importa che l’album arriva a quasi 36 minuti con un po’ di allungamento forzato (leggasi intro e outro lunghetti e cover francamente non necessaria), visto che alla fine il primo sforzo degli Infernalizer ci piace e ci basta anche così, e farà la felicità di chi ama questo tipo di musica. Certo, non è il top dell’originalità, ma come inizio può bastare.

Track by Track
  1. Night shift - Intro S.V.
  2. The outsider 70
  3. Leaving so soon? 70
  4. In retrospect 75
  5. Cruel intentions 75
  6. The ugly truth 70
  7. In this world or the next 70
  8. Leave a scar 75
  9. I don't wanna be me (Type 0 Negative cover) S.V.
  10. Autumn of terror - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 08.04.2021. Articolo letto 204 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.