Feretri «The Priests of Chaos» (2021)

Feretri «The Priests Of Chaos» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
07.04.2021

 

Visualizzazioni:
110

 

Band:
Feretri
[MetalWave] Invia una email a Feretri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Feretri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Feretri

 

Titolo:
The Priests of Chaos

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Snor Flade :: All Instruments

 

Genere:
Black Metal / Dark Ambient

 

Durata:
25' 26"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2021

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Interessante la proposta musicale di questa one man band Palermitana chiamata Feretri, e che con questo “The Priests of chaos” arriva al proprio sesto Ep e senza ancora aver fatto alcun full length, anche se questo in durata ci va vicino (25 minuti e mezzo).
Il sound di Feretri consiste infatti in un black metal decisamente old school, sporco e minimale, graziato da un tocco arcigno per più o meno tutta la durata dell’Ep, che va a convincerci maggiormente nella parte centrale, dove “Sub human contamination” sembra voler fare il verso ai Vultyr finlandesi e a certi Corpus Christii di brani tipo “Penetrator”, ma è con la centrale “Misanthropic Astral Realm” che Feretri fa davvero male e va a planare su dei riffs concisi ma violenti tipo Ravencult, il tutto mentre lo spettro dei Dodsferd aleggia su questo Ep, anche se personalmente è stata “and death for all” che mi ha maggiormente stupito, essendo la più personale e dove un riff acustico si alterna in maniera molto interessante a parti più black metal e elettriche, per un risultato davvero riuscito, a cui si sussegue un outro ambient/noise/industrial, dove l’anima rumoristica e macabra fa decisamente capolino dopo essere stata presente qua e là in tutto l’Ep.
“The priests of chaos” durerà non molto, e a volte ha gli strumenti non bene a tempo tra di loro (occhio in futuro per favore), ma la band di Snor Flade è senz’altro valida. Se cercate una sempre ben accetta doccia gelida in questo clima sempre più primaverile, “The Priests of chaos” è un disco che dovrebbe interessarvi, tanto più se non disdegnate qualche influenza del cosiddetto una volta “nekro rock n roll”.

Track by Track
  1. The dream of the priest of chaos 70
  2. Sub human contamination 75
  3. Misanthropic Astral Realm 80
  4. ...And death for all 75
  5. In the deep of Noseremo 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 07.04.2021. Articolo letto 110 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.