South Of No North «Phagocity» (2020)

South Of No North «Phagocity» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ozymandias »

 

Recensione Pubblicata il:
06.04.2021

 

Visualizzazioni:
219

 

Band:
South Of No North
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di South Of No North [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di South Of No North [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di South Of No North [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di South Of No North

 

Titolo:
Phagocity

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:

 

Genere:
Groove Metal

 

Durata:
45' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
04.09.2020

 

Etichetta:
Cult Of Parthenope
[MetalWave] Invia una email a Cult Of Parthenope [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cult Of Parthenope [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Cult Of Parthenope [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Cult Of Parthenope

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Cult Of Parthenope Promotion
[MetalWave] Invia una email a Cult Of Parthenope Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cult Of Parthenope Promotion

 

Recensione

"Phagocity" è un disco che mescola Machine Head, Fear Factory, vocalità Sludge/Brutal "aspirate" e riffing serrato ma cadenzato e molto monocorda, a volte in senso positivo ma anche negativo, che vince sicuramente rispetto ad altre release ma non "convince" più di tanto: i pezzi sono tutti davvero, davvero troppo simili l'un l'altro, il riffing uguale, così come i breakdown vari, un po' incerti nell'esecuzione, sembrano un po' "messi lì" senza una vera ragione dietro, mentre la voce è anch'essa fin troppo monocorda e non mixata benissimo nel tutto, a volte troppo fuori o troppo dentro a seconda del momento, come se fosse compressa in maniera sbagliata nel mix.
Belli gli inserti melodici molto Burton C. Bell, cosa su cui avrei spinto MOLTO di più, così come certi passaggi Swedish Death che ricordano molto di quel Death Metal svedese d’altri tempi, mentre basso e batteria sembrano davvero ben suonati, nonostante non sia un grande fan del mix, come già sopracitato, molto stereotipico e che va in direzione del classico sound Metal secco e poco dinamico.
Nonostante i tanti difetti, la band in ogni caso sembra molto convinta del proprio sound, e con qualche accorgimento potrebbe arrivare ad ottenere un’aura decisamente più convincente, cercando di spingere ancora di più sull’acceleratore, inserendo parti ancora più tecniche, assoli e breakdown e rallentamenti più estremi.
Per adesso una sufficienza piena, con l’appuntamento segnato per un prossimo lavoro che spero sia una spanna sopra a questo pur sempre buono “Phagocity”.

Track by Track
  1. D15f16ur3d 60
  2. Inimical 65
  3. Hail Seitan 65
  4. Nonceferatu 65
  5. I.N.O.F.Y.C.M. 65
  6. Cinder 65
  7. Indie Ass 65
  8. Decapitalism 65
  9. Command 65
  10. Black in Back 65
  11. Klaatu Barada Nikto 65
  12. (Disc Ohm 4th) 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Ozymandias » pubblicata il 06.04.2021. Articolo letto 219 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.