Obscure Obsession «Obsessions and Solitudes» (2020)

Obscure Obsession ŤObsessions And Solitudesť | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
27.03.2021

 

Visualizzazioni:
233

 

Band:
Obscure Obsession
[MetalWave] Invia una email a Obscure Obsession [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Obscure Obsession

 

Titolo:
Obsessions and Solitudes

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Luca Steel :: Vocals
- Ido Evome :: Guitar
- Francesco Fornasiero :: Guitar;
- Giuly Maso :: Bass;
- Diego Bordin :: Drums;

 

Genere:
Metal

 

Durata:
19' 0"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
05.10.2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Mi spiace dirlo ma credo proprio che non ci siamo con questo Ep degli Obscure Obsession, una band che pressa quattro tracce per dare luogo all’Ep intitolato “Obsession And Solitude”, dove sin dall’apertura si assiste ad una sorta di autonomia collettiva che dà l’impressione che ogni strumentista interpreti a modo proprio i brani. Ciò che probabilmente condiziona un po’ troppo tutto è il cantato, un clean che pare fare un po’ a modo proprio senza rispettare né ritmica né tanto meno le tonalità degli strumenti. Il sound nella sua totale semplicità, si rivela modesto e senza troppe pretese. A ciò si aggiunga anche l’atteggiamento simile che prende corpo già dalla prima traccia in cui si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad un qualcosa e non comprendere cosa. Appena diverso il modo di interpretare il secondo brano “Aurora”, moderato e lento in cui l’effetto predetto pare ravvisarsi in maniera minore; lo sprint di “Maybe You Could Understand Me” dà invece la sensazione di essere in una sala prove dove una band alle prime armi dove brio e convinzione paiono un qualcosa da assimilare magari più in avanti. Chiude i venti minuti scarsi di lavoro “Fading Away”, altra prova che ci fa giungere alla conclusione che le cose da rivedere sono diverse a cominciare da una maggiore cura, coesione e convinzione tra gli strumentisti per capire probabilmente come doversi meglio proporre. Anche se dispiace dirlo, per ora non ci siamo.

Track by Track
  1. Obsession 45
  2. Aurora 55
  3. Maybe You Could Understand Me 50
  4. Fading Away 55
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 45
Giudizio Finale
51

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 27.03.2021. Articolo letto 233 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.