Red Cain «Kindred: Act II» (2021)

Red Cain «Kindred: Act Ii» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
24.03.2021

 

Visualizzazioni:
202

 

Band:
Red Cain
[MetalWave] Invia una email a Red Cain [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Cain [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Red Cain

 

Titolo:
Kindred: Act II

 

Nazione:
Canada

 

Formazione:
Evgeniy Zayarny :: Vocals
Tyler Corbett :: Studio Guitar
Carlos Cruz :: Live Guitar
Andrei Buldan :: Live Guitars
Taylor Gibson :: Drums

 

Genere:
Melodic Heavy Metal / Experimental / Progressive

 

Durata:
36' 45"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
22.01.2021

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Asher Media Relations
[MetalWave] Invia una email a Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Asher Media Relations

 

Recensione

Questo secondo disco dei Canadesi Red Cain è uno di quei dischi che cominci ad ascoltare con sospetto, perché pur suonando bene e cantato anche meglio, ti va a suonare uno dei tanti wannabes del symphonic metal, di quelli che tendono ad essere orecchiabili fin troppo, e che alla fine sembrano quasi una di quelle releases che suonano sospettosamente easy listening, con tanto di qualità sonora fin troppo addolcita e catchy, che mette sotto i riflettori lo strumento quando assume il ruolo di solista.
E però col passare dei minuti ti accorgi che fortunatamente non è così: “Kindred – Act II” è un album che certamente prova a suonare catchy, melodico e moderno, ma ha personalità, e accoppia ad un certo sound gothic/symphonic metal una serie di influenze che vanno dal power al progressive fino anche al death metal tipo Amon Amarth. Detta così non pare chissà quale innovazione, ma il fatto è che i Red Cain si rivelano incredibili nel cambiare la tonalità dei brani in maniera pressoché completa, con un songwriting che ti stupisce per la sua agilità, e che anche se poggia parecchio sulla voce nei primi due brani, va a suonare molto curioso in “Precipice of man”, tra falsetti e tirate metal ben riuscite, passando in maniera perfettamente naturale nei blast beats di “Baltic fleet”, che tra l’altro suona così atmosferica che di colpo sembriamo davvero proiettati in qualche landa desolata nordica, il tutto con forti tentazioni progressive nel quinto brano, e perfino con passaggi da synth quasi EDM nel secondo e sesto brano, per un risultato che lascia basiti, e che anche se non è molto convincente come presupposti, diventa convincente eccome durante l’ascolto, semmai con una certa tendenza a suonare costantemente sopra le righe che potrebbe scontentare qualcuno.
“Kindred – Act II” è il disco che non ti aspetti, la ventata di innovazione che ascolti, ti spiazza e ti convince, un equilibrio abbastanza inconsueto di power, symphonic, progressive, death e perfino sonorità più leggere che funziona e che è davvero da tenere sott’occhio.

Track by Track
  1. Kindred 75
  2. Demons 75
  3. Precipice of man 75
  4. Baltic fleet 80
  5. Varjag and the shrike 75
  6. Sons of Veles 75
  7. Sunshine (Blood sun empire) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 24.03.2021. Articolo letto 202 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.