Rainbow Bridge «Unlock» (2020)

Rainbow Bridge «Unlock» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
17.03.2021

 

Visualizzazioni:
169

 

Band:
Rainbow Bridge
[MetalWave] Invia una email a Rainbow Bridge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rainbow Bridge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rainbow Bridge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rainbow Bridge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Rainbow Bridge

 

Titolo:
Unlock

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giuseppe Piazzolla :: guitar
Fabio Chiarazzo :: bass, double bass
Paolo Ormas :: drums

 

Genere:
Hard Blues / Stoner

 

Durata:
45' 19"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.08.2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Questo “Unlock” sarà forse il quinto o sesto album per i Rainbw Bridge da Barletta, una band con una ragguardevole discografia ottenuta in circa un decennio, consistente in uno psych stoner rock strumentale e che spesse volte mostra la propria passione per certe sonorità stralunate tipo Jimi Hendrix, fonte innegabile del loro sound, mentre altre volte è la riconoscibile chitarra blues rock dei Led Zeppelin a farsi notare come influenze.
I Rainbow Bridge non sono certo i primi a fare questo genere e non saranno certo gli unici, ma fortunatamente dove tanti wannabes di questo genere musicale si rifugiano dietro a pedali e una idea ripetuta a urto per tutto il brano, i RB almeno sanno aggiungere un buon groove nella opener, mentre “Marley”, nonostante il nome, va a far eccellere la chitarra solista, che si lancia in qualche assolo rock nella seconda parte del brano, e tutto questo saltando ottime intuizioni come il riff boogie rock del quarto brano e la buona prosecuzione, mentre “Jack sound” suona da degna conclusione rockeggiante dell’intero disco, che non nega mai le proprie influenze, e che semmai ha il difetto di essere a volte contraddistinto da qualche imperfezione chiaramente fatta nelle jam sessions, come un mood non tanto efficace nel secondo brano, e un paio di parti non tanto collegate, come intorno a 4 minuti del quinto brano.
In generale, “Unlock” è comunque un disco che, nonostante il suo consapevole valore un po’ di nicchia musicale, riesce comunque a farsi notare all’interno dello stesso, per via di buone capacità tecniche e qualche intuizione davvero riuscita. Se lo stoner strumentale fa al caso vostro, dategli una chance d’ascolto e/o d’acquisto.

Track by Track
  1. Marvin Berry 70
  2. Speero the hero 65
  3. Marley 70
  4. The girl that I would meet this summer 65
  5. Jack sound 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 17.03.2021. Articolo letto 169 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.