Oceana «The Pattern» (2020)

Oceana «The Pattern» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ozymandias »

 

Recensione Pubblicata il:
13.03.2021

 

Visualizzazioni:
635

 

Band:
Oceana
[MetalWave] Invia una email a Oceana [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Oceana [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Oceana [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Oceana [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Oceana

 

Titolo:
The Pattern

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Massimiliano Pagliuso: Vocals, Guitars, Bass, Keyboards
Gianpaolo Caprino: Guitars
Francesco Bucci: Bass
Alessandro "Sancho" Marconcini: Drums

 

Genere:
Progressive Death Metal

 

Durata:
1h 2' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
29.01.2021

 

Etichetta:
Time To Kill Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Time To Kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Time To Kill Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Anubi Press
[MetalWave] Invia una email a Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anubi Press

 

Recensione

"The Pattern" è un disco che mi ha catturato fin da subito: una produzione cristallina, potente e perfetta per il genere, sopratutto per quanto riguarda le chitarre, delle performance maiuscole di tutti i singoli musicisti, un songwriting in bilico tra Opeth, Katatonia, Dream Theater, Nevermore e perchè no, anche un po' dei mastodontici Death di "Symbolic" (molti soli ricordano le atmosfere di "Perennial Quest", in senso buono) e in generale un mood evocativo e possente.
Il riffing è in bilico tra arpeggi clean sognanti e penetranti e partiture "thrashy" in stile, appunto, Nevermore (indimenticati), con queste 7 corde (a quanto pare) sfruttate finalmente a dovere.
La lunghezza dei pezzi non preclude ad evoluzioni interessanti e armonizzazioni non banali, perfino per l'ampiezza del genere, il ché sottolinea la bravura generale dei singoli, mentre se volessi cercare il classico "pelo nell'uovo" potrei dire che la voce in growl poteva brillare di più, pur essendo perfettamente inserita nel contesto.
Veramente importanti anche gli assoli, melodici e intelligenti al punto giusto senza scadere in un becero shredding senza senso, udibile e interessante il basso con delle linee piene di groove che accompagnano delle chitarre ritmiche a tratti quasi "nu metallose" se non fosse che sono piene di stacchetti in string skipping o arpeggi elettrici veramente interessanti, appunto.
Bella anche la copertina, che denota una professionalità di fondo fuori dal comune ahimè quasi assente in molte produzioni nostrane.
Che dire se non che mi sento di promuovere a pieni voti questa proposta!

Track by Track
  1. Hiding Lies 85
  2. Fall to Silence 85
  3. Violet 85
  4. Tragicomic Reality 85
  5. A Friend 85
  6. Carousle 85
  7. A Lament 85
  8. Spoiled 85
  9. Atlantidea Suite Part 1 85
  10. The Unforgiven 85
  11. You Don't Know 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
85

 

Recensione di Ozymandias » pubblicata il 13.03.2021. Articolo letto 635 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.