Duocane «Sudditi» (2020)

Duocane «Sudditi» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
11.03.2021

 

Visualizzazioni:
560

 

Band:
Duocane
[MetalWave] Invia una email a Duocane [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Duocane [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Duocane [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Duocane

 

Titolo:
Sudditi

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano Capozzo :: Bass, Vox
Giovanni Solazzo :: drums

 

Genere:
Alternative / Psych / Noise

 

Durata:
25' 26"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
30.10.2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Frantic Mule
[MetalWave] Invia una email a Frantic Mule [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Frantic Mule

 

Recensione

Interessante secondo Ep per il duo da Bari chiamato Duocane, che ci propone una musica abbastanza originale, costituita da soli basso e batteria più voce a stagliarsi su un sound forse definibile come alternative stoner/math rock strumentale, e che condensa 5 brani di lunghezza variabile in 25 minuti e mezzo di musica.
Ora, è facile sbagliare in quest genere musicale. È facile spacciare delle improvvisazioni normalissime come qualcosa di sperimentale, oppure è facile fare brani che in questo genere suonano incompleti o spocchiosamente sperimentali, ma per fortuna i Duocane riescono a impressionarci, con una opener “Martello” che mette bene in chiaro il soundscape di quest’Ep, che viene poi proseguito nella sinuosa “Memorie dal sottosuolo”, caratterizzata anche da un mood cantilenante, e che va a poggiarsi nella lunga “Vilipendio” tramite un break Post, che evolve lentamente sui mood più rockeggianti di prima, ma sempre sotto l’egida della musica Post, per un risultato che forse si poteva perfezionare qui a livello di struttura della voce, ma che anche così va bene, il tutto per un risultato sufficientemente vario e affascinante, che si distacca dalla media delle bands post e che ci rivela una band che sa suonare moody e variopinta, ma anche tutt’altro che troppo astratta e poco comunicativa. Semmai, l’unica battuta un po’ a vuoto viene per me dalla conclusiva “Buon compleanno Sudo”, un brano invero non male, ma che insiste sulla scia dell’altro brano lungo, “Vilipendio”, senza apportare sostanziali soluzioni stilistiche nuove, e finendo per rendere l’episodio più lungo dell’Ep anche quello più ripetitivo.
Insomma: con qualche punto di domanda riguardante la resa a lunga durata, “Sudditi” dei Duocane è comunque un episodio ben riuscito, che si rende ben apprezzabile da chiunque ami l’alternative rock più contorto e sperimentale.

Track by Track
  1. Martello 75
  2. Memorie dal sottosuolo 75
  3. Vilipendio 75
  4. Peritonite 70
  5. Buon compleanno sudo 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 11.03.2021. Articolo letto 560 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.