Rovescio Della Medaglia «Contaminazione 2.0» (2020)

Rovescio Della Medaglia «Contaminazione 2.0» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ozymandias »

 

Recensione Pubblicata il:
08.03.2021

 

Visualizzazioni:
528

 

Band:
Rovescio Della Medaglia
[MetalWave] Invia una email a Rovescio Della Medaglia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rovescio Della Medaglia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rovescio Della Medaglia

 

Titolo:
Contaminazione 2.0

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
ENZO VITA: guitar
ANDREA CASTELLI: bass
NICOLA COSTANTI : vocals, keys
CARMELO JUNIOR ARENA: keys, backing vocals
PINO POLISTINA: guitar

 

Genere:
Prog Rock

 

Durata:
53' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.11.2020

 

Etichetta:
Jolly Roger Records
[MetalWave] Invia una email a Jolly Roger Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Jolly Roger Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Jolly Roger Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Jolly Roger Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Un disco nella piena tradizione Prog Italiana: denso, vario, suonato egregiamente, dagli arrangiamenti vistosi ma non invadenti, una musica colta e profonda che conquista sopratutto nel lungo periodo, mescolando musica classica, echi lontanissimi di qualcosa di Jazz, Rock e ovviamente, Prog.
Cominciando dalla produzione, essa è veramente degna di nota: qui siamo di fronte ad un disco equilibrato dal punto di vista dei suoni, che rende veramente tanto perfino dalle piccole casse di un semplice portatile, ma che ovviamente brilla ancora di più attraverso impianti di un certo valore.
I suoni sono puliti, appunto, cristallini e “soffici” ma comunque potenti, sopratutto la voce, veramente degna di nota, risulta profonda e con un’ottima interpretazione ma pur sempre chiara e ben effettata.
Insomma, ben poco da dire di negativo, anzi quasi nulla a dir la sincera verità, perfino i testi sono molto interessanti, sarà che il sottoscritto è un grande amante delle sonorità progressive di tutti i tipi, ma il prodotto davvero si vende bene “da solo” senza stancare e sembrare pretenzioso, come qualche altra produzione che non sto a citare.
Altra caratteristica importante sono le influenze “pop” evidenti sopratutto in certi pezzi come “La Mia Musica”, che ha reminiscenze Queen fortissime, ma non stucca e risulta comunque credibile, almeno per me.
Forse unica “pecca” la copertina: avrei osato di più in questo senso.
Concludendo, siamo di fronte ad un prodotto veramente importante, non sarà per tutti, non sarà il disco “della vita” per qualcuno, ma è un disco che consiglio vivamente.

Track by Track
  1. Absent from this consumed world 80
  2. Ora non ricordo Piu 80
  3. Il suono del silenzio 80
  4. Mi sono svegliato e Ho chiuso gli occhi 80
  5. Lei sei tu Lei 80
  6. La Mia Musica 80
  7. Johann 80
  8. Scotland Machine 80
  9. Cella 503 80
  10. Contaminazione 1760 80
  11. Alzo un Muro Elettrico 80
  12. Sweet Suite 80
  13. La Grande Fuga 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Ozymandias » pubblicata il 08.03.2021. Articolo letto 528 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.