Trick or Treat «The Legend of the XII Saints» (2020)

Trick Or Treat «The Legend Of The Xii Saints» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
30.01.2021

 

Visualizzazioni:
399

 

Band:
Trick or Treat
[MetalWave] Invia una email a Trick or Treat [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Trick or Treat [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Trick or Treat [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Trick or Treat [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Trick or Treat

 

Titolo:
The Legend of the XII Saints

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Leone Villani Conti :: Bass
Guido Benedetti :: Guitars
Alessandro Conti :: Vocals
Luca Setti :: Drums
Luca Venturelli :: Guitars

 

Genere:
Power Metal

 

Durata:
1h 3' 57"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
24.04.2020

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Trick or Treat si confermano come una tra le migliori bands power della nuova ondata con questo sesto album chiamato “The legend of the XII Saints” e che consiste in un concept album riguardante i Cavalieri dello Zodiaco e la battaglia nelle 12 case, per una massiccia durata di quasi 64 minuti ripartiti in 12 brani più intro e outro.
Poco da dire: Sin da “Aries” i ToT mettono subito sul tavolo ciò che sanno fare, con un power metal potente e veloce, vagamente in stile Stratovarius qua e là, e con una prestazione vocale costantemente notevole, che marchia a fuoco un tessuto musicale a volte con tendenza barocche e più spesso invece dal sapore più epico, come si può ascoltare in brani come “Aries”, “Gemini” e “Leo”, mentre il riff potente sul tempo medio è ciò che marchia a fuoco “Taurus” e “Virgo”, passando per le influenze chiaramente alla Iron Maiden di “Libra” e quelle più symphonic in “Scorpio”. Questi sono solo alcuni degli episodi positivi di un album come questo che di fatto, tra perizia con i propri strumenti, capacità tecniche notevoli e un approccio alla musica tutt’altro che monodirezionale, riescono a donarci un album fantastico power metal, che attacca alla carotide quando deve, e concede respiro in altri momenti, il tutto senza ballad sdolcinate o passaggi troppo derivativi e cliché.
Questo è “The legend of the XII saints”, un album che merita la vostra attenzione se siete fans del power, e anche chi ama symphonic o heavy metal non troppo old school possono dargli una possibilità di acquisto. Per quel che mi riguarda, questo è uno tra i migliori album power sentiti di recente a livello continentale, e tutto senza un colpo a vuoto nonostante la durata corposa dell’album. Fatevi un regalo e acquistatelo.

Track by Track
  1. Ave Athena - Intro S.V.
  2. Aries – Stardust revolution 85
  3. Taurus – Great horn 85
  4. Gemini – Another dimension 80
  5. Cancer – Underworld wave 80
  6. Leo – Lightning plasma 85
  7. Virgo – Tenbu Horin 80
  8. Libra – One hundred dragons force 85
  9. Scorpio – Scarlet needle 75
  10. Sagittarius – Golden arrow 80
  11. Capricornus – Excalibur 75
  12. Aquarius – Diamond Dust 85
  13. Pisces – Bloody rose 85
  14. Last Hour (The Redemption) 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 30.01.2021. Articolo letto 399 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.