Dolore «2020: i sette teschi di Andromeda» (2020)

Dolore «2020: I Sette Teschi Di Andromeda» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
26.01.2021

 

Visualizzazioni:
101

 

Band:
Dolore
[MetalWave] Invia una email a Dolore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dolore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Dolore

 

Titolo:
2020: i sette teschi di Andromeda

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Giorgio Trombino :: All Instruments;

 

Genere:
Horror Instrumental

 

Durata:
46' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
31.10.2020

 

Etichetta:
Horror Pain Gore Death Productions
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Horror Pain Gore Death Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Metaversus - Press & Promo
[MetalWave] Invia una email a Metaversus - Press & Promo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Metaversus - Press & Promo

 

Recensione

Rifacendosi immancabilmente ad oscuri artisti del calibro di Giorgio Moroder, Goblin, Zombi, del John Carpenter compositore così come di Jean-Michel Jarre o Klaus Schulze, Dolore rilascia questa letale parodia di quattordici brani pressati in questo “I Sette Teschi Di Andromeda” resi su un contesto horror, dopo l’ultimo “Tortura” di cui ho già avuto modo di occuparmi in questa webmagazine. Il contesto dell’autore resta sostanzialmente radicato al mondo dei suoni scenografici, ideale per sottofondi di film horror e questa volta fantascientifici dati i numerosi elementi riconducibili allo spazio interstellare e cosmico a cui si è ricorso. Il disco si presenta a tratti angosciante ma parallelamente in diversi brani anche più dinamico nei contenuti; ciò in sostanza che colpisce di più è l’esemplare miscela sonora che l’autore riesce a trarne tra campionatori, rumori di sottofondo, qualche nota disparata di pianoforte, e l’immancabile synth che indubbiamente ricopre per la maggiore tutto il resto. Come poi non poter in qualche modo rievocare, come si accennava all’inizio, i Goblin, storica band per il genere da cui indubbiamente l’autore ha carpito il meglio e nel rielaborarne l’essenza riesce a creare un universo di suoni incredibile ed accattivante. In definitiva non serve aggiungere altro di fronte ad un lavoro ipnotico, magnetico, oscuro e via discorrendo, si tratta semplicemente di un disco sublime per il genere.

Track by Track
  1. L'Ospite 80
  2. Labirinto Di Circuiti 85
  3. Inspiegabili Globi Luminosi 80
  4. Infinita Solitudine Stellare 80
  5. Primo Avvistamento nel Settore Otto 85
  6. Errore 665 Riduzione dell'Ossigeno 85
  7. Ciò Che Attende Nell'Ombra 85
  8. Impossibile Avviare Procedura di Ritorno 85
  9. Allineamento I Sette Teschi di Andromeda 85
  10. Propagazione Infestante 85
  11. Fuga Verso Il Modulo di Salvataggio 80
  12. Il Progetto Lasciati A Morire 80
  13. L'ultimo Comando Decollo Verticale Verso Il Nulla 85
  14. Mare Tranquillitatis Spegnimento del sistema di sopravvivenza 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 26.01.2021. Articolo letto 101 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.