Chaos Over Cosmos «The Ultimate Multiverse» (2020)

Chaos Over Cosmos «The Ultimate Multiverse» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
19.01.2021

 

Visualizzazioni:
181

 

Band:
Chaos Over Cosmos
[MetalWave] Invia una email a Chaos Over Cosmos [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Chaos Over Cosmos [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Chaos Over Cosmos [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Chaos Over Cosmos [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Chaos Over Cosmos

 

Titolo:
The Ultimate Multiverse

 

Nazione:
Polonia / Australia

 

Formazione:
Rafal Bowman :: Guitars
Joshua Ratcliff :: Vocals

 

Genere:
Progressive Metal

 

Durata:
41' 54"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.06.2020

 

Etichetta:
Narcoleptica productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Chaos Over Cosmos è uno studio project che coadiuva gli sforzi di un chitarrista polacco con un cantante australiano, e che con questo “The ultimate multiverse” ci consegna un esempio onesto di ciò che è definibile come un progressive power/heavy metal, dove una chitarra sia ritmica che solista si presenta costantemente con buone intuizioni, specie se accoppiate con la tastiera, che tengono su tutto il tempo a disposizione di questi ragazzi, dove perfino la voce resta un po’ in sottofondo, a lasciar spazio alla sei corde impazzita. Per questo motivo sarà facile che apprezzerete le atmosfere spaziali ma maestose di “The cascading darkness” o di “One hundred”, che sono anche i due brani in cui l’equilibrio tra i due musicisti si sente particolarmente, mentre “Worlds apart” si manifesta più mossa e potente, con sempre più affidamento alla chitarra solista da qui in poi.
Il tutto per un risultato molto soddisfacente, e che semmai ha il difetto di sprecare alcune opportunità, come nei due brani di chiusura, che pur non essendo male finiscono per essere poco strutturati e più un miscuglio di idee buone che un brano vero e proprio, senza contare che uno stacco da quella chitarra solista per far prendere fiato all’ascoltatore è bene accetto.
In altre parole, “The ultimate multiverse” è il tipico disco con pregi e difetti degli studio project a distanza: ci sono alcune idee interessanti, ma il progetto non è comunque curato o ragionato come sarebbe una vera band da studio. Ciò non toglie che nonostante tutto questo disco è un bel sentire, acquistabile da bandcamp per la mera cifra di 4 euro, che francamente è anche poco. Dategli una chance.

Track by Track
  1. Cascading darkness 75
  2. One hundred 75
  3. Worlds apart 75
  4. Consumed 70
  5. We will not fall 65
  6. Asimov 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 19.01.2021. Articolo letto 181 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.