Overcharge «Metal Punx» (2020)

Overcharge «Metal Punx» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.01.2021

 

Visualizzazioni:
125

 

Band:
Overcharge
[MetalWave] Invia una email a Overcharge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Overcharge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Overcharge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Overcharge

 

Titolo:
Metal Punx

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marcio :: Vocals, Bass
Panzer :: Drums
Josh :: Guitars, Vocals

 

Genere:
Metalpunk / SpeeDbeat

 

Durata:
33' 22"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
10.11.2020

 

Etichetta:
Planet K Records
[MetalWave] Invia una email a Planet K Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Planet K Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
The Metallist PR
[MetalWave] Invia una email a The Metallist PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Metallist PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Metallist PR

 

Recensione

Già solo dal nome dell’album sai che musica fanno gli Overcharge: metal old school! 9 brani ostinati debitori a Motorhead (specialmente in “Black Diesel Breath”) che si guardano bene dal riproporci variazioni sul tema di “Ace of spades”, e che calcano la mano sulla potenza e sull’ostinazione sonora.
È infatti una vera goduria immergersi sin dall’attacco di “Backfire” in questo disco, che prosegue con la cattiva “Bury the damned” e che, tramite partiture più speed, arriva ad attaccare e spaccare nella eloquente “D-beat destruction” e nella grande “Dead city punx”, con un tiro sempre ben centrato delle composizioni e una furia irresistibile, di quelle che da live ci stanno benissimo in apertura a gruppi come i Baphomet’s blood o Bunker 66, per esempio.
Poi certo, qui non c’è neanche un po’ di originalità, ovvio e neanche c’è bisogno di dirlo, ma io ribatto dicendo che ormai suonare musica di questo tipo non è più così facile con tali buoni risultati, e aggiungo anche che è facile invece improvvisarcisi tali, con risultati evidenti in quanto ad efficacia e potenza. Con gli Overcharge questo non avviene mai: “Metalpunx” è un eloquente esempio di come la passione, rappresa in 33 minuti, a volte è più che sufficiente a rendere la musica un vero piacere. Amanti del metal old school e di sonorità tanto apprezzate da Fenriz: questo disco è per voi!

Track by Track
  1. Backfire 75
  2. Bury the damned 80
  3. Ravenous 80
  4. D-beat destruction 80
  5. What you dread 75
  6. Black diesel breath 80
  7. Lords of hysteria 75
  8. Dead city punx 80
  9. The hammelock 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.01.2021. Articolo letto 125 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.