Kult Of The Skull God «The Great Magini» (2020)

Kult Of The Skull God «The Great Magini» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.12.2020

 

Visualizzazioni:
241

 

Band:
Kult Of The Skull God
[MetalWave] Invia una email a Kult Of The Skull God [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Kult Of The Skull God [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kult Of The Skull God

 

Titolo:
The Great Magini

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Lord Kalidon :: Vocals
Dave Tavecchia :: Guitar
Jeff Di Fazio :: Bass
Joey Amato :: Drums

 

Genere:
Skull Rock

 

Durata:
40' 33"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
08.05.2020

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Da una band con un nome così ti aspetteresti forse Stoner, o forse qualche roba hardcore che cerca di fare black metal, e invece i Kult of the Skull God sono di Milano e ci propongono rock n roll, per un risultato sinceramente inaspettato. Non miracoloso, ma comunque positivo.
È infatti incredibile come ascoltando “The great Magini” si possa sentire una band che riesce a dominare le proprie influenze tipo 69 Eyes, forse Poisonblack, qualcosa di Danzig, un po’ di Rolling Stones e un po’ di Bon Jovi, per un risultato che suona molto fresco e convincente, come la potente “Liar” che si contrappone al rock un po’ più oscuro di “One more try” e “The oath”, passando per il ritornello molto azzeccato di “Lions and sheep”, passando per la tenebrosa title track. Questi sono gli highlights di un album che scorre via che è un piacere, e che senza intoppi né strafare tecnicamente, riesce a farti arrivare a fine dell’album in men che non si dica, donandoti la voglia di risentire il disco daccapo. Il tutto per un disco solido e che non possiede momenti di caduta di stile: i KotSG hanno piena padronanza di ciò che fanno e anche un’idea chiara di ciò che vogliono fare. E a noi di Metalwave non resta che alzare bandiera bianca e abbandonare il più cocciuto degli scetticismi.
Ben fatto. Se il rock con una certa venatura oscura è il vostro stile, “The great magini” è un disco molto consigliato.

Track by Track
  1. Black Magick 70
  2. Liar 75
  3. One more try 80
  4. The oath 75
  5. Lost and lonely ones 75
  6. Lions and sheep 80
  7. The great magini 80
  8. Judas is my priest 75
  9. Dead heroes 75
  10. Bully 70
  11. Vultures 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.12.2020. Articolo letto 241 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.