Ancillotti «Hell On Earth» (2020)

Ancillotti «Hell On Earth» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
19.12.2020

 

Visualizzazioni:
234

 

Band:
Ancillotti
[MetalWave] Invia una email a Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ancillotti

 

Titolo:
Hell On Earth

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Daniele "Bud" Ancillotti :: vocals
Luciano "Ciano" Toscani :: guitars
Sandro "Bid Ancillotti :: bass
Brian Ancillotti :: drums

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
43' 58"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
29.05.2020

 

Etichetta:
Pure Steel Records
[MetalWave] Invia una email a Pure Steel Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pure Steel Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Pure Steel Promotion
[MetalWave] Invia una email a Pure Steel Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pure Steel Promotion

 

Recensione

Leggi Ancillotti nel nome della band e sai che non ti puoi sbagliare. “Hell on earth” è il nuovo album per uno tra i nomi migliori dell’heavy metal italiano, che condensa 9 tracce senza respiro in quasi 44 minuti, per un successo assicurato.
Sarebbe facile per qualsiasi progetto musicale con i membri che hanno il suddetto cognome adagiarsi sugli allori, ma “Bud” non ne vuole sapere così come non ne vogliono sapere neanche i suoi compagni musicali, che in questo modo continuano a menare fendenti ai nostri padiglioni auricolari, con un pugno di tracce che suona incredibilmente fresco e muscoloso, in barba alle correnti musicali che si vanno formando nel tempo, e così abbiamo una opener “Fighting man” che suona poderosa e piena di entusiasmo, una serie di brani up tempo come “Firewind” e “Till the end” che ti prendono a schiaffi per tutto il tempo, brani con qualcosa stile The Rods in “Another world” e ritornelli eccezionali come in “Broken arrow”. Questi sono solo alcuni dei picchi compositivi di un album che non lascia scampo e che ti soggioga, con Bud che sa fare benissimo il suo mestiere dietro il microfono con tanto passione e entusiasmo, e con la chitarra che sinceramente svolge il lavoro da mattatrice, usando un lotto di riffs sempre a tiro e che donano davvero una marcia in più ai brani, per questo riconoscibili e ben caratterizzati l’uno dall’altro.
Onestamente, non c’è altro da descrivere. Che si chiamino Stranan Officina, Ancillotti o Bud Tribe, questo cognome è e rimane una garanzia se vuoi heavy metal made in Italy, e sono stupito della longevità di questi ragazzi. Fatevi un regalo e comprate “Hell on earth”. Non ve ne pentirete.

Track by Track
  1. Fighting man 90
  2. Revolution 90
  3. Firewind 90
  4. We are coming 90
  5. Blessed by fire 90
  6. Broken Arrow 90
  7. Another world 90
  8. Frankestein 90
  9. Till the end 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
90

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 19.12.2020. Articolo letto 234 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.