Affliction Vector «Death Comes Supreme» (2020)

Affliction Vector «Death Comes Supreme» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
09.12.2020

 

Visualizzazioni:
166

 

Band:
Affliction Vector
[MetalWave] Invia una email a Affliction Vector [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Affliction Vector

 

Titolo:
Death Comes Supreme

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Antonio Strain :: guitars, bass guitar, vocals;
- Christian Musich :: drums;

 

Genere:
Black-Death Metallers

 

Durata:
19' 4"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
25.09.2020

 

Etichetta:
Argento Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Argento Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argento Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Argento Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Anubi Press
[MetalWave] Invia una email a Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anubi Press

 

Recensione

L’ Ep degli Affliction Vector, autori delle cinque tracce di “Death Comes Supreme”, disposto in venti minuti scarsi di ascolto, si rileva assai straziante ed esasperante alle orecchie di chi ascolta; al di là di una produzione al limite del blando, l’insieme in sé risulta poco nitido e molto confusionario al punto da non permettere quasi la distinzione tra riff e ritmiche. Il black death metal della band rivela l’effettivo contesto per il genere ma purtroppo risulta assai caotico nella resa e come tale da lasciare un giudizio poco propenso alla sufficienza; non tanto i passaggi più melodici, la cui tregua è parzialmente garantita da una ritmica in mid tempo, ma l’insieme delle tracce a lungo andare si rivela noioso e poco entusiasmante nonostante la presenza di iniziative che, se disposte con diversa modalità, ben avrebbero generato i sortiti effetti. Le cinque tracce, anche con idee e contenuti diversificate, lasciano appena trapelare la forza di volontà e lo spirito della band, che se esternato in maniera diversa e con mezzi più efficaci, avrebbe senz’altro offerto un prodotto migliore con contenuti apprezzabili. Sicuramente curando maggiormente la produzione la band riuscirà ad esprimersi e a coinvolgere una maggiore e più entusiasmante platea.

Track by Track
  1. Voiceless Predictions 45
  2. A Mere Illusion 45
  3. The Long Cold Rest 45
  4. Abandoned Into The Madness 45
  5. At The Dying Sun 45
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 45
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 55
Giudizio Finale
49

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 09.12.2020. Articolo letto 166 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.