Mr. Bison «Seaward» (2020)

Mr. Bison «Seaward» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
02.12.2020

 

Visualizzazioni:
680

 

Band:
Mr. Bison
[MetalWave] Invia una email a Mr. Bison [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mr. Bison

 

Titolo:
Seaward

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Matteo Barsacchi :: Guitar, Vocal;
- Matteo Sciocchetto :: Guitar, Vocal;
- Matteo D’Ignazi :: Drum, Sound Effect, Vocal;

 

Genere:
Heavy Blues

 

Durata:
39' 11"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
16.10.2020

 

Etichetta:
Ripple Music
[MetalWave] Invia una email a Ripple Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ripple Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ripple Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Ripple Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ripple Music
Subsound Records
[MetalWave] Invia una email a Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Subsound Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Tornano sulla scena nazionale i Mr. Bison con questo “Seaward”, terzo disco della propria carriera che ha visto da sempre coinvolta la band in svariati tour nazionali ed internazionali a fianco di importati realtà; per chi non conoscesse la band, i Mr. Bison, formatisi solamente nel 2012, vanno a caratterizzarsi per la propria attitudine ad un heavy blues che abbraccia anche qualche elemento più tendente allo stoner, prog rock così riuscendo compiutamente nell’insieme a generare uno stile personale; un insieme in realtà caratterizzato da sonorità moderate, spesso irruenti, all’interno delle quali il clean va continuamente ad abbracciarsi in maniera significativa con dei buoni riff e con l’annessa ritmica al punto da catturare costantemente l’attenzione della platea. La band nel corso dell’ascolto si rende protagonista in sostanza di una buona proposta che va a riconfermare in sostanza le attitudini del precedente disco; con l’opener “Seaword”, il trio incentra sin da subito tutto il proprio potenziale con un attitudine quasi doom, non certo priva dell’heavy blues tipico dello stile della band, riuscendo forte e determinata anche grazie all’ottima espressività del proprio clean che qui appare assai determinato e rabbioso, è con “From The Abyss” che sprona con tutte le proprie forze un motivo sorprendentemente dinamico e divertente fatto di un divertente apparato ritmico che di seguito si armonizza alternandosi con una andatura in assetto moderato; richiami quasi southern stoner si hanno con “I’M The Storm”, un brano che riesce a trasmettere il lato più arido della band mai privo della buona espressività del cantato; “Oudesis” invece offre uno scenario più psichedelico che con l’ immancabile indotto heavy, offre uno spettacolo tutto da assaporare al pari anche delle alternanze offerte dalla successiva “The Sacrifice” dove tutta la rabbia e il potenziale della band vengono fuori nota dopa nota nelle travolgenti ritmiche miscelate in distorti ricchi con effetti di livello; “Underwater” e la conclusiva “The Curse” danno nuovamente luogo a scenari quasi surreali in cui la forza e la creatività della band fa tutto il resto attraverso le proprie incredibili armonie che mai riducono l’attenzione dell’ascoltatore. Concludendo, questo “Seaword”, è ancora una volta la prova che la determinazione e la creatività di questo trio piace e diverte non poco.

Track by Track
  1. Seaward 75
  2. From The Abyss 80
  3. I'M The Storm 80
  4. Oudeis 75
  5. The Sacrifice 80
  6. Underwater 80
  7. The Curse 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 02.12.2020. Articolo letto 680 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.