Six Degrees «No One Is Innocent» (2020)

Six Degrees «No One Is Innocent» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ozymandias »

 

Recensione Pubblicata il:
30.10.2020

 

Visualizzazioni:
345

 

Band:
Six Degrees
[MetalWave] Invia una email a Six Degrees [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Six Degrees [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Six Degrees

 

Titolo:
No One Is Innocent

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Luca Correnti - Guitars/Vocals
Valentina Aleo - Vocals

 

Genere:
Melodic Groove-Death Metal

 

Durata:
0' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.11.2020

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Echi di Soilwork, Tool ma anche Meshuggah dei “vecchi tempi” (quelli di “Contradictions Collapse” e “None”), Pantera, e diverse altre influenze in questo nuovo platter in casa Six Degrees; chitarre al vetriolo la fanno da padrone sopratutto, in quanto il mix è improntato sopratutto su di loro e sul comparto vocale, di pregevole fattura, sopratutto la controparte femminile, mentre la sezione ritmica rimane su lidi abbastanza lineari, per quanto a volte si possono sentire influenze “storte” molto pesanti (leggasi: Djent).
Molto interessanti sopratutto gli arpeggi clean/semi distorti, un difetto (per quanto risibile) dell’intero disco forse sta nel fatto che le canzoni si assomigliano un po’ troppo l’una con l’altra, e che la produzione potrebbe essere più “patinata” e meno cruda, anche se con l’andare dei vari ascolti, l’orecchio ci si abitua, e sembra avere una “logica” artistica molto forte dietro questa scelta, dando un’aura quasi “industrial” al disco in sé.
La tecnica generale se non buona, sembra addirittura ottima: avrei forse “edulcorato” le parti più “Fear Factory” della proposta, in quanto le canzoni funzionano ancor meglio quando la tensione si alleggerisce e subentrano perfino chitarre acustiche in qualche zona, proprie di un sound davvero ben amalgamato assieme al resto.
In generale, la proposta sembra davvero ottima, sennonché pare che possano avvenire ulteriori evoluzioni interessanti all’interno del sound, magari nei prossimi lavori: rendere appunto più diversificati gli arrangiamenti dei pezzi, inserire qualche ulteriore breakdown e/o parte sincopata, impreziosire la sezione ritmica di qualche soluzione più originale, e lavorare sulle linee vocali principali, forse troppo piatte in certe parti.
Nonostante ciò, “No One is Innocent”, è un lavoro solido e dalle ottime idee: non il classico copiaticcio, per fortuna, delle proposte più blasonate che si sentono in giro da qualche anno, un disco che consiglio a chiunque sia un fan delle sonorità Metal più moderne e cangianti, e che non preclude soprattutto ad evoluzioni ancora più interessanti.

Track by Track
  1. Restart/Erase 70
  2. Malaka’s Multiple Choice Answer 70
  3. Imperfect 70
  4. May, 10 70
  5. The Unexpectable 70
  6. Stuck In The Middle 70
  7. Night Is Over 70
  8. Silent Glance 70
  9. Stillness 70
  10. None Of Us 70
  11. The Power Of Love (Konka Version) 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Ozymandias » pubblicata il 30.10.2020. Articolo letto 345 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.