Melodius Deite «Elysium» (2020)

Melodius Deite «Elysium» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
24.10.2020

 

Visualizzazioni:
442

 

Band:
Melodius Deite
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Melodius Deite [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Melodius Deite [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Melodius Deite [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Melodius Deite

 

Titolo:
Elysium

 

Nazione:
Tailandia

 

Formazione:
- Biggie P. Phanrath :: Guitar, Keyboard;
- Ohm S. Dejkong :: Bass;
- Bookkie P. Phanrath :: Drums;
- Lean Van Ranna :: Vocals;

 

Genere:
Symphonic / Power Metal

 

Durata:
54' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
23.10.2020

 

Etichetta:
Art Gates Records
[MetalWave] Invia una email a Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Art Gates Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ciò che non avevo mai avuto modo di ascoltare è una band che miscela progressive estremo a power metal ed indubbiamente i Melodius Deite ne sono la miglior rappresentazione con “Elysium” , quarto disco della loro carriera, decisamente estremo per il tecnicismo che va a caratterizzarlo. Al di là del buon clean, tutt’altro che scontato nella resa e spesso supportato da un corposo growl, è micidiale l’impatto che il lavoro di chitarra e synth offrono unitamente ad un’incessante quanto magistrale lavoro dietro le pelli. Gli undici brani, inclusivi di bonus track, in realtà si rilevano piuttosto cariche e grintose nei contenuti dando così luogo a rari momenti di stacco da un solenne quanto trionfante vortice ritmico da cui non si riesce a divincolarsi a cagione del potente impatto sia sonoro che ovviamente ritmico. La band è estremamente virtuosa nei contenuti, non mancano nel corso dell’ascolto passaggi epici che ben si collimano all’energia del power dando al punto da offrire momenti di maggiore intensità rispetto ad altri. La band tende a rappresentare al meglio le due correnti stilistiche per offrire, tra un brano e l’altro, maggiore impulsività riuscendo a rendono bene l’idea di poter offrire un vero mix ritmicamente parlando che difficilmente si riesce a trovare tra le miriadi di band che si cimentano sul power o sul prog. Inutile procedere alla disamina dei singoli brani risultando tutti di forte impatto sonoro oltre che fregiati di incredibili virtuosismi che meritano i dovuti ascolti.

Track by Track
  1. Destructive Chaos S.V.
  2. Love Or Lust 75
  3. Gluttonous Being 80
  4. Covetousness 85
  5. Act Of Failure 80
  6. Wrath Of The Zealots 75
  7. Maliciuous Envy 80
  8. Vainglorius Pride 75
  9. Neo Utopia 75
  10. Novelist (New Version) 75
  11. Various Seasons (Bonus Track) 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 24.10.2020. Articolo letto 442 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.