Tenebra «Through Crying Souls I See What I Was...» (2020)

Tenebra «Through Crying Souls I See What I Was...» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
03.10.2020

 

Visualizzazioni:
220

 

Band:
Tenebra
[MetalWave] Invia una email a Tenebra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Tenebra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Tenebra

 

Titolo:
Through Crying Souls I See What I Was...

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Lord Lemory :: All instruments;

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
27' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.09.2020

 

Etichetta:
Cult Of Parthenope
[MetalWave] Invia una email a Cult Of Parthenope [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cult Of Parthenope [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Cult Of Parthenope [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Cult Of Parthenope

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Cult Of Parthenope Promotion
[MetalWave] Invia una email a Cult Of Parthenope Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cult Of Parthenope Promotion

 

Recensione

Il black metal dei Tenebra non può fare a meno che ammaliarci in questa incredibile opera realizzata dal proprio ed unico interprete Lord Lemory che riesce al meglio a darci un buon esempio di come possa essere realizzato senza troppi ed eccessivi sforzi un disco di egregia portata. Al di là di uno scream che in parte ricorda quello unico del maestro Varg, il disco realizza una prova decisamente coesa all’interno della quale melodie di pregio vanno ad innescare la miccia di un più oscuro quanto potente black metal. Ritmicamente le sei tracce comprensive di intro, riescono a dare un senso di desolazione protesa per lo più a sferzare una improbabile monotonia che mai e poi mai potrebbe prendere corpo in un lavoro di tale portata. La cattiveria prende sin da subito corpo con “Tenebra”, brano che si rileva sin da subito particolarmente melodico e tutt’altro che scontato, forte di un buon apparato ritmico che l’autore riesce dottamente ad innescare nel corso delle ritmiche; da ricordare anche la buona “ Phlaegrea” ritmicamente diretta e non confusionaria dalla quale forse trasuda appena una qualità audio non troppo eccellente; segue poi “Eternal Rest” altro micidiale assalto ritmico diretto, potente e carico di intensità; segue poi “Dancing Soul” che conquista sin da subito per il motivo d’apertura che va a ripercuotersi con tanto di melodie per la sua intera durata proposta in un mid tempo; conclude la sestina “Ode”, altra prova di pregio, questa volta prettamente strumentale, che ci trasporta in un mondo quasi trascendentale sin dall’apertura forgiata in una miscela tra l’acustica chitarra e un synth. Un lavoro decisamente attraente dal punto di vista compositivo ma un po’ meno per quanto riguarda la linea della produzione a mio avviso non troppo nitida.

Track by Track
  1. Intro S.V.
  2. Tenebra 75
  3. Phlaegrea 75
  4. Eternal Rest 75
  5. Dancing Soul 80
  6. Ode S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 03.10.2020. Articolo letto 220 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.