17 Crash «Through Hell And Back» (2020)

17 Crash «Through Hell And Back» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
03.10.2020

 

Visualizzazioni:
152

 

Band:
17 Crash
[MetalWave] Invia una email a 17 Crash [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di 17 Crash [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di 17 Crash [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di 17 Crash

 

Titolo:
Through Hell And Back

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ros Crash :: Vocals
Wildcat :: Guitar
CJ Guarne :: Guitar
Maxxx :: Bass
Phil Hill :: Drums

 

Genere:
Hard Rock

 

Durata:
39' 9"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.03.2020

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

Si sente che il terzo album dei livornesi 80s rockers chiamati 17 Crash è il frutto di una band ormai matura, che sa come rendere credibile e sufficientemente godibile una proposta musicale come la loro, ormai (ahimé) vecchia di 40 anni, ma che continua ad avere proseliti.
“Through hell and back” è infatti un disco che non è niente di personale, ma che perlomeno riesce a suonare credibile e avvincente grazie a un tiro compositivo sempre abbastanza buono e cromato da un lavoro di chitarra solista sempre molto ispirato, che prende la (tutta sommato canonica) opener “Face to face” e riesce a capitalizzarne il potenziale del brano, cosa che avviene spesso per buona parte dei brani qui presenti, e si va ancora meglio quando i 17 Crash riescono a distanziarsi da un sound troppo debitore agli anni 80 e personalizzano di più la loro proposta, come la più spumeggiante “Bite the freedom” o la più metal “Pray your god”, che sono anche i migliori brani dell’album, con una citazione onorevole anche per la conclusiva “Voice in the night” con un tocco che mi ha ricordato gli Europe.
Insomma: non originale ma piacevole, ben fatto e scorrevole. Questo è “Through hell and back” dei 17 Crash, un album per chi non ha mai dimenticato lo sleaze rock degli anni 80, e a cui quest’album è consigliato.

Track by Track
  1. Face to face 70
  2. Be a man 70
  3. Change your way 70
  4. Through hell and back 70
  5. Bite the freedom 75
  6. Don't surrender 65
  7. Heroes 70
  8. Pray your god 75
  9. First day in heaven 70
  10. Voice in the night 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 03.10.2020. Articolo letto 152 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.