Last Frontier «Aether (Equivalent Exchange)» (2020)

Last Frontier «Aether (equivalent Exchange)» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
18.08.2020

 

Visualizzazioni:
422

 

Band:
Last Frontier
[MetalWave] Invia una email a Last Frontier [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Last Frontier [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Last Frontier [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Last Frontier [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Last Frontier [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Last Frontier [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Last Frontier

 

Titolo:
Aether (Equivalent Exchange)

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nitrokill :: Guitars
Cyrion Faith :: Keyboards
Silent Kaos :: Drums
Thor Underdog :: Bass
Marco Cantoni :: Vocals

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
53' 54"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
24.01.2020

 

Etichetta:
Revalve Records
[MetalWave] Invia una email a Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Revalve Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

E dal niente arriva “Aether” (Equivalent exchange) dei Napoletani Last Frontier, e in quasi 54 minuti fa un gran bel colpo di ciò che tutto sommato chiamerei Symphonic Heavy Metal, visto che qui si unisce il metal classico a certo progressive (in maniera contenuta) alle orchestrazioni tipiche del Symphonic Metal. Il tutto per un risultato che lascia sbigottiti per la bontà del prodotto finale.
Il segreto di questi cinque ragazzi è semplicemente quello di utilizzare dei riffs sostanzialmente semplici per chitarra, ma aggiungerci una rimarcabile quantità di idee sopra, sia sotto forma di assoli di chitarra o di tastiera, sia come spezzettamenti ritmici e sia come cantabilità dei brani finali, mai troppo contorti né prevedibili; aggiungete un cantante che punta al sodo evitando fronzoli, e avrete ottenuto la ricetta di questo disco, che comincia altezzoso nella opener “Cults of Cargo” e che conferma il suo status nel brano successivo, lasciando poi che il tocco più prog prenda il sopravvento su quello più symphonic da qui in poi, per ritornare su lidi sonori più potenti e tipicamente Heavy Metal verso la fine del disco, particolarmente in “The Brier”, il brano più tipicamente heavy metal e dove la band si mostra capace di suonare dritta al punto e senza fronzoli, e tutto questo mentre poco dopo ti appioppa una suite di 12 minuti conclusiva, che scorre perfettamente, facendosi notare per la sacralità di certi cori (specialmente quello a 10 minuti) e per trascinare l’ascoltatore senza avere momenti di stanca.
Insomma: come detto, sono sbigottito. “Aether” è un’ottima risposta a chi crede che l’heavy metal sia desueto, il prog è troppo cerebrale, e il symphonic è per femminucce. Disco d’alta classe, quantomeno da ascoltare per gli amanti della melodia e della sofisticatezza nel metal classico. Eccellente.

Track by Track
  1. Towards the last frontier - Intro S.V.
  2. Cults of Cargo 80
  3. Fields of Thetis 80
  4. Flames of Moloch 85
  5. Wings of stone 85
  6. The willow 75
  7. The river 80
  8. The brier 85
  9. Shahar 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 18.08.2020. Articolo letto 422 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.