Distorted Visions «Born Dead» (2020)

Distorted Visions «Born Dead» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
16.08.2020

 

Visualizzazioni:
175

 

Band:
Distorted Visions
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Distorted Visions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Distorted Visions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Distorted Visions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Distorted Visions

 

Titolo:
Born Dead

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Davide Dalla Pozza :: Drums, Vocals
Emanuele Cicala :: Guitar
Marco Cicala :: Vocals
Tiziano Baruffi :: Bass

 

Genere:
Nu Core Metal

 

Durata:
32' 40"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.03.2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
PressThis! Music PR
[MetalWave] Invia una email a PressThis! Music PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di PressThis! Music PR

 

Recensione

“Born dead” è il disco di debutto autoprodotto dei Milanesi Distorted Visions, che condensa 10 tracce (più intro e intermezzo) in circa 33 minuti di musica definita Nu Metal Core, definizione che potrebbe anche starci visto l’evidente appoggio di questi ragazzi ai Korn e più raramente ai Soulfly, anche se l’influenza più marcata è data dal metalcore, a causa di breakdown disseminati in tutto il disco.
Tuttavia, per quanto queste influenze potrebbero solleticare la voglia di anni 90 di qualcuno, “Born Dead” è solo un certo tributo al nu metal che vi si rifà solo in parte e nulla più, per via del fatto che l’influenza metalcore prende il sopravvento ben presto, con ritornelli puliti che cercano di rendere tutto un po’ più in stile Korn, ma facendolo con riffs fin troppo semplici o con melodie vocali che non sempre dominano il brano, come avviene per esempio in “Gore”. Altrove appare qualche mood più ombroso, come in “Burn”, ma appaiono anche brani anonimi come “Undefined pain” o “Seventeen”, e il tutto avviene senza mai una tangibile variazione del songwriting prima di una “Disinttegration” vagamente più in stile Coal Chamber o un groove più sostenuto come in “Scars”, forse il brano più riuscito dell’album in quanto quello che cerca di variare un po’ di più il sound e che non rimane a una versione un po’ più scarna e meno groovy dei Korn. Poco da dire sulla media degli altri brani, che poggiano su una produzione senz’altro all’altezza, ma dove non si rimarcano idee particolari che differenzino i brani e rendano tutto un po’ più eterogeneo.
In conclusione, “Born dead” è un disco che tenta di riportare in auge il nu metal tramite l’influenza dei Korn, ma si rivela essere ben presto una versione monocorde e abbastanza incolore e che oltre a un certo tributo a certe sonorità non va. Consigliabile per i nostalgici delle sonorità nu metal, ma la semplicità di songwriting ne zavorra un bel po’ la riuscita. Non si tratta di un disco brutto, ma lo trovo abbastanza fine a sé stesso in quanto a rilevanza.

Track by Track
  1. Introspection - Intro S.V.
  2. Everytime I die 60
  3. Everytime I die 65
  4. Undefined pain 55
  5. Gore 60
  6. Burn 65
  7. Seventeen 55
  8. 99% - Intermezzo S.V.
  9. Disintegration 60
  10. Harakiri 65
  11. Scars 70
  12. Priority 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
62

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 16.08.2020. Articolo letto 175 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.