Batushka «Raskol» (2020)

Batushka «Raskol» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
05.08.2020

 

Visualizzazioni:
489

 

Band:
Batushka
[MetalWave] Invia una email a Batushka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Batushka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Batushka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Batushka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Batushka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Batushka

 

Titolo:
Raskol

 

Nazione:
Polonia

 

Formazione:
- Bartlomiej Krysiuk :: Vocals;
- Marcin Bielemiuk :: Drums;
- Krzysztof Drabikowski :: Vocals, Guitar, Bass;

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
28' 19"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.08.2020

 

Etichetta:
Witching Hour Productions
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Witching Hour Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Witching Hour Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I polacchi Batushka cercano di riprendersi dal poco entusiasmante ultimo lavoro con questo Ep di cinque tracce “Raskol”, che in mezz’ora di ascolto ed in un contesto melodico assai appariscente, offrono un pizzico di entusiasmo in più. Il Black Metal forgiato in questo Ep infatti, senza perdere l’acerba indole della band, si caratterizza per l’aggiunta di un maggior approccio musicale forte della buona compattezza del sound e della strumentalità composta da rallentamenti evocativi ed assetti quasi orchestrali che danno un tono di maggiore onnipotenza al tutto. Molto entusiasmanti anche i passaggi acustici che sferzano la potenza e la prepotenza dei passaggi più spinti in favore di un qualcosa di soave, quasi magico, che porta ad un senso di tristezza e angoscia; i cinque brani proposti, tutti recanti con poca fantasia lo stesso titolo con annessa numerazione decretano, a parere di chi scrive un effetto diverso e più coerente rispetto alla pregressa, rapida uscita dei primi lavori, anche dovuti alle già note problematiche di line up; con “Irmos I” se ne comprendono gli effetti, un acustico prende corpo tra le proprie note ad effetto ed un tiratissimo, successivo andamento ritmico dal quale non tarda a trasudare una buona melodia che si alterna a contesti moderati tra corali maschili e scream; la successiva “ Irmos II” dà invece un senso di maggiore presa sull’ascoltatore a cominciare dal ghiotto motivo in apertura, acustico, ma pronto a rendere i propri, successivi effetti di fronte ad una muraglia ritmica quasi inespugnabile per compattezza; non male neanche “Irmos III”, anche se ritmicamente non si distacca dal precedente ascolto, dando pur prova di cattiveria mista ad immancabile acerbità; “Irmos IV”, anche qui, nei sette minuti abbondanti di ascolto, si hanno rintocchi di campana in apertura atti a decretare un clima tipico da meditazione con tanto di corali maschili, e un’andatura lenta successivamente esplosiva e tirata a lustro con quelle immancabili alternanze sonore che caratterizzano l’indole della band; a chiudere “Irmos V”, in cui note acustiche portano ad una nuova dimensione, moderata ma depressa nel contesto nuovamente poi pronta a scattare a molla per un finale esplosivo. L’Ep offre un maggior convincimento della band rispetto al pregresso operato al punto da reintrodurla in carreggiata per un quanto, auspichiamo, successivo prossimo full lenght.

Track by Track
  1. Irmos I 75
  2. Irmos II 75
  3. Irmos III 70
  4. Irmos IV 75
  5. Irmos V 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 05.08.2020. Articolo letto 489 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.