Chien Bizarre «Mostri» (2020)

Chien Bizarre ĞMostriğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
24.07.2020

 

Visualizzazioni:
237

 

Band:
Chien Bizarre
[MetalWave] Invia una email a Chien Bizarre [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Chien Bizarre [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Chien Bizarre [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Chien Bizarre

 

Titolo:
Mostri

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mauro Mosciatti :: Vox, Guitars
Simone Freddi :: Bass
Carlo Ciarrocchi :: Guitars
Lorenzo Eugeni :: Drums
Graziano Ridolfi :: Keyboards

 

Genere:
Alternative Rock

 

Durata:
20' 40"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
14.03.2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Orange Grunge Ufficio Stampa
[MetalWave] Invia una email a Orange Grunge Ufficio Stampa [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Orange Grunge Ufficio Stampa

 

Recensione

“Mostri” dei Chien Bizarre è un nuovo Ep per questa band non debuttante italiana, e che ci propone un rock leggero e dal sapore decisamente radiofonico in tutti e cinque i brani, a dispetto di ciò che i titoli farebbero pensare, per un risultato (diciamolo subito) molto diverso da ciò che normalmente si recensisce su questo sito.
Anche a scapito di questo, “Mostri” riesce comunque a suonare abbastanza intrigante e soddisfacente per via di un songwriting interessante e variopinto, condito da dei testi abili, che hanno il loro picco nella bella “il mostro”, seguita dalla leggermente meno elettrica “Spettri”, il tutto per un risultato gradevole e invero molto scorrevole, che piacerà senz’altro agli amanti di questo genere, e formalmente senza troppi intoppi, leggasi qualche confidenza di troppo con l’ascoltatore nell’opener “Vampiri”, che per ripetere più volte il ritornello finisce per suonare un po’ pretenziosa. Ma non si tratta di un difetto grave.
In definitiva, “Mostri” sarà senz’altro un Ep che stacca parecchio da ciò che normalmente siamo soliti recensire, per via dell’estrema radiofonicità della proposta e del sound che non ha nulla a che vedere col metal, ma ciò non toglie che i più interessati al rock italiano qui troveranno pane per i loro denti.

Track by Track
  1. Vampiri 65
  2. Frankenstein 70
  3. Spettri 75
  4. Il mostro 75
  5. Zombie 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 24.07.2020. Articolo letto 237 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.