DIMH Project «Hands Off» (2020)

Dimh Project «Hands Off» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
24.07.2020

 

Visualizzazioni:
132

 

Band:
DIMH Project
[MetalWave] Invia una email a DIMH Project [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di DIMH Project [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di DIMH Project [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di DIMH Project [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di DIMH Project

 

Titolo:
Hands Off

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Maurizio Amato :: Vox, Bass
Marco Mazzuoccolo :: Guitars
Angelo Zaminga :: Guitars
Enrico Varisco :: Keyboards
Eric Ombelli :: Drums

 

Genere:
Rock

 

Durata:
20' 34"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
31.01.2020

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

Ep di raccordo dopo due full length discreto per i Dimh Project da Lecce, capitanati da Maurizio Amato. L’Ep in questione dura poco più di 20 minuti e ci propone 5 tracce di ciò che possiamo definire come rock melodico, a volte con tastiere più symphonic, e altre più vintage, il tutto per un risultato non male, a scanso di una copertina veramente anonima, che davvero non poteva rappresentare un concetto così importante come quello della violenza domestica in maniera così scialba.
Detto questo, “Hands off” è comunque il frutto di una band con una certa esperienza e che sa nel bene o nel male come proporre buone composizioni, che in questa sede hanno i loro picchi compositivi in “A message to the universe” per una certa sicurezza e originalità negli arrangiamenti, e soprattutto nella conclusiva “No one will ever bring you back”; un brano deove influenze punk e tastiere vintage si intersecano molto bene su un rock n roll up tempo e divertente. Il resto dei brani sinceramente cala d’ispirazione, con una “Earth, stars…” che onestamente non ha diversità sostanziali dal brano d’apertura, mentre “Take the courage and run away” semplicemente non brilla per originalità né per particolari bellezze delle linee vocali che a volte sembrano fuori contesto, così come “Lonely ducks”.
In altre parole, “Hands off” è un EP onesto, ma comunque che rappresenta un acquisto non fondamentale. Di certo non qualcosa di brutto, ma se il rock di questa tipologia vi piace, consiglio di acquistare i full length prima.

Track by Track
  1. A message to the universe 70
  2. Earth, stars, wind and fire 65
  3. Take the courage and run away 65
  4. Lonely ducks 65
  5. No one will ever bring you back 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 24.07.2020. Articolo letto 132 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.