VersozerO «Uomo» (2020)

Versozero «Uomo» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
22.07.2020

 

Visualizzazioni:
128

 

Band:
VersozerO
[MetalWave] Invia una email a VersozerO [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di VersozerO [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di VersozerO [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di VersozerO [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di VersozerO

 

Titolo:
Uomo

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Manuel Olivieri :: Vox
Stefano Lacherca :: Guitars
Dario Leon i:: Bass, fx
Riccardo Arcadi :: Drums

 

Genere:
Rock

 

Durata:
48' 5"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Che vadano a quel paese l’alternative e termini nuovi musicali: i Versozero da Milano fanno rock, e “Uomo” è il loro nuovo album, che credo essere il terzo, è la prova di una band che in circa 50 minuti insiste a suonare e a provare a tenere vivo quel rock italiano anni 90 che tanto ci piaceva e che era il frutto di una nazione che sapeva ancora proporre qualcosa di proprio senza dover sempre riciclare qualcosa dall’estero. Un mestiere decisamente arduo in una scena come questa, infestata da robacce spacciate per “indie rock” come gli Imagine Dragons o accrocchi simili. I Versozero ci provano. Ci provano e per la verità in qualche brano ci riescono anche, ma purtroppo non vanno molto oltre un certo revival anche abbastanza timido.
Sì perché “Uomo” in realtà comincia bene, con una formula compositiva collaudata ed esperta in “l’ultimo giorno”, opener buona e anche abbastanza fresca, ma è uno di quei casi non molto frequenti in cui tutto funziona bene, con sia una strofa che un ritornello che spaccano, cosa che avviene anche nella bella “il fabbricatore”, nella molto buona “Come acqua” e volendo anche in “Manifesto”, più rockeggiante, ma il resto in realtà vivacchia abbastanza, con una insipida “La vita che vive”, una “Radici” che deve appoggiarsi ai Pink Floyd o una “Il proiettile” dal testo un po’ strano e con una linea vocale che ricorda (scusate) i Negramaro, nientemeno. Quelli più duri, ma pur sempre i Negramaro. E il tutto con gli ultimi brani che apportano sempre meno idee e che potrebbero essere rimpiazzati da un paio di idee in più nei brani, come ad esempio una chitarra solista più cospicua e riffoni più presenti, visto che la chitarra troppo spesso qui va a suonare abbottonata e mai sopra le righe. Certo, gli altri strumenti e la voce di Manuel rendono il resto del lavoro comunque apprezzabile, ma un esercizio di stile e di esperienza non bastano comunque a rimpiazzare una grinta perlopiù presente ma mai abbastanza, e per questo i Versozero vanno a trovarsi in una situazione un po’ strana di mezzo, dove suonano non energetici come i Litfiba né ruvidi come i primi Negrita, ma neanche stralunati come i Marlene Kuntz o grunge come i primi Verdena. Al massimo sentiamo un po’ di Timoria, ma giusto un po’.
Insomma: “Uomo” è un disco in realtà discreto, che prova una strada stilistica mirabile e in realtà battuta da pochi, ma nonostante gli sforzi profusi, e pur provando mirabilmente a ravvivare quello stile musicale, il risultato è qualcosa di senza infamia ma anche senza lodi particolari, e che in ultima analisi (come per i pochi dischi nu metal contemporanei) non sposta di un millimetro la posizione di questo stile musicale vintage, finendo per essere un disco per nostalgici e poco più. Peccato.

Track by Track
  1. H+ - Intro S.V.
  2. L'ultimo giorno 70
  3. La cosa piu' giusta 60
  4. La vita che vive 60
  5. 667 – Una più del diavolo 65
  6. Il fabbricatore 70
  7. Come acqua 75
  8. Manifesto 65
  9. Radici 60
  10. Il proiettile 60
  11. Le prede importanti 60
  12. La ballata del cecchino 60
  13. Uomo 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 22.07.2020. Articolo letto 128 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.